Farmaci personalizzati, la proposta del ministro Lorenzin

Aziende | Redazione DottNet | 02/12/2013 15:52

Aziende e sanità pubblica unite “Per un cambio di passo, per condividere con le aziende le strategie e gli obiettivi della ricerca, perché l’obiettivo ci accomuna: garantire cure migliori all’interno di un sistema che sia reso sostenibile”.

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, non ha dubbi: la sfida è lanciata e mette in campo i governi europei, i sistemi sanitari, la ricerca e soprattutto le case farmaceutiche. “Occorre mediare l’innovazione che arriva dai ‘farmaci personalizzati’, cioè delle terapie che tanto promettono ai pazienti in termini di valore terapeutico, con gli investimenti per la ricerca e come rendere sostenibili per i servizi sanitari nazionali gli altissimi costi che tutto questo richiede. Sono i temi del workshop che si tiene oggi 3 dicembre a Londra, "Adaptive Pathways for personalised Medicines - supporting innovation in Europe", organizzato dall'Ebe (European Biopharmaceutical Enterprises) e dall'Ambasciata italiana, guidata dall'ambasciatore Pasquale Terracciano, cui partecipa il ministro della Salute, Lorenzin, assieme a 60 invitati italiani ed inglesi, con speaker che provengono anche da Francia, Belgio, Canada e Ungheria. Presenti istituzioni come la Comunità europea, l'Ema (European Medicines Agency), rappresentanti del mondo accademico e della ricerca, strutture medico ospedaliere e industrie, cioè i "venture capital" degli investitori che finanziano la ricerca. Il ministro Lorenzin, nell'ambito del Programma di ricerca Horizon 2020 appena varato dall'UE, assumerà un importante impegno per favorire la ricerca, basandosi su un dialogo costruttivo tra Istituzioni, Università e industrie del settore. I “farmaci personalizzati” hanno un elevato costo ma trascinano con se molti vantaggi: con la guarigione diminuiscono i ricoveri, le cronicità e quindi si producono risparmi. Ci si interrogherà sui modi per spingere la ricerca, velocizzare e rendere più semplici le procedure per la sperimentazione delle terapie innovative, e, più filosoficamente, trattare il farmaco “come valore e non solo come costo”. Grandi progressi sono stati fatti nel campo dell’oncologia, ma anche in settori dalla reumatologia all’asma, alle malattie neurologiche. L’incontro si aprirà con un saluto del ministro Lorenzin alle autorità presenti. Si verificheranno i risultati raggiunti dalla ricerca nel campo delle terapie personalizzate e verranno incoraggiate tutte le parti coinvolte ad operare con costanza e sistematicità nel miglioramento del “sistema ricerca”. Il Ministro Lorenzin, a tal proposito, nell’ambito del Programma di ricerca Horizon 2020 appena varato dall’UE assumerà un importante impegno per favorire la ricerca, basandosi su un dialogo costruttivo tra Istituzioni, Università e industrie del settore. 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: ministero della salute

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato