Schengen sanitaria, oggi il decreto

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 02/12/2013 16:19

Il decreto legislativo di recepimento della direttiva sulle cure transfrontaliere, o Schengen della salute, sarà oggi sul tavolo del Consiglio dei Ministri. In tempo quindi per la data del 4 dicembre, termine ultimo per recepire la direttiva europea che permetterà ai cittadini comunitari di scegliere liberamente dove curarsi all'interno dei confini dell'Unione Europea.

 Il testo dovrà poi ricevere il parere delle commissioni parlamentari competenti e della Conferenza Stato-Regioni prima di esser pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Il decreto conterrà regole e indicazioni per l'applicazione della disciplina, che è formalmente entrata in vigore il 25 ottobre, ma ancora non tradotta in pratica. La maggioranza dei paesi Ue, infatti, tra cui l'Italia stessa, sta ancora provvedendo a definire leggi nazionali di attuazione. Per scegliere di curarsi in un ospedale di Parigi o Berlino bisognerà attendere però ancora uno o due mesi, il tempo necessario perché il decreto ottenga il via libera della Conferenza Stato-Regioni e delle Commissioni parlamentari competenti. Ma oramai il dado è tratto e per una volta l’Italia non si è fatta trovare impreparata.   La nuova sanità senza frontiere sarà comunque sottoposta a regole rigide e limiti che sembrano garantire libertà di cura soprattutto ai casi di liste d’attesa troppo lunghe. «Per la prima volta abbiamo una direttiva che non parla di circolazione di merci e monete ma di europeizzazione del sistema di welfare», commenta il ministro della salute, Beatrice Lorenzin. Che precisa: «Certo, in questo momento dobbiamo anche garantire un uso appropriato delle risorse per evitare sprechi, ma abbiamo molte eccellenze sanitarie per vincere questa sfida». Anche se, in caso di eccessive fughe all’estero, è previsto un decreto «salute-economia» che limiti in futuro l’applicazione della direttiva.  

Cosa serve per curarsi all’estero : Prima di tutto occorre presentare richiesta di autorizzazione alla propria Asl, che entro 10 giorni risponde. Per la richiesta esistono moduli forniti dalla stessa Asl, nei quali bisogna indicare la prestazione sanitaria richiesta e il luogo di cura. Saltato il primo ostacolo si presenta, sempre alla Asl, la vera domanda, che deve avere risposta entro 30 giorni, 15 nei casi urgenti. L’autorizzazione preventiva è richiesta nei casi di ricovero, per «l’utilizzo di infrastrutture sanitarie e apparecchiature mediche altamente specializzate e costose» e quando le cure comportino un particolare rischio per il paziente. L’autorizzazione non può essere rifiutata quando non si è in grado di assicurare l’assistenza in patria «entro un termine giustificabile dal punto di vista clinico», e questo anche in rapporto all’intensità del dolore della malattia. Le cure transfrontaliere comprendono la telemedicina. 

Quando non si viene autorizzati : Tanto per cominciare l’assistenza oltre confine non sarà autorizzata per «servizi assistenziali di lunga durata», trapianti d’organo, vaccinazioni. Poi, le prestazioni dovranno essere erogate da strutture pubbliche o che lavorano per il pubblico. Se si va in clinica privata, quindi, niente rimborsi. Il veto verrà posto anche se a giudizio della Asl l’ospedale o il medico stranieri destino «gravi e specifiche preoccupazioni rispetto agli standard di qualità dell’assistenza e alla sicurezza del paziente». Per valutare questi rischi negli Stati membri verranno individuati indicatori per misurare le performance di reparti ospedalieri e singoli medici. Una struttura tutta da inventare. 

Costi e rimborsi: I costi sono rimborsati «in misura corrispondente alle tariffe regionali vigenti», la differenza sarà a carico del paziente il quale dovrà sobbarcarsi anche i costi di viaggio, vitto e alloggio, per sé ed eventuale accompagnatore. Sarà sempre il paziente ad anticipare i costi, presentando poi domanda di rimborso all’Asl con allegati certificazione medica e fattura. Il rimborso dovrebbe arrivare entro 60 giorni. 

Punti di contatto ed eccellenze : Per aiutare i cittadini a orientarsi in questa babele burocratica il ministero ha già istituito un «Punto di contatto» che fornirà informazioni sugli ospedali in tre lingue. Inoltre un accordo Stato-Regioni sta per definire gli indicatori dei centri di eccellenza, compresi i singoli reparti, che consentiranno agli assistiti di orientarsi dove la sanità è da 10 e lode.  

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: ministero salute, la stampa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato