L'endoscopia cura l'aritmia

Redazione DottNet | 18/11/2008 13:30

Per la prima volta in Europa una delle malattie cardiologiche più diffuse e più serie è stata curata in modo dolce, attraverso l'endoscopia.

 L'intervento è stato eseguito in Italia su due pazienti negli Spedali Civili di Brescia, senza aprire il torace, senza arrestare il cuore e senza la circolazione extracorporea, come accadeva invece finora per la cura di questa malattia, che colpisce il 7% della popolazione occidentale oltre i 65 anni e che in Italia interessa circa tre milioni di persone. Ha eseguito l'intervento il gruppo di Claudio Muneretto, direttore della cattedra di Cardiochirurgia dell'università di Brescia. L'operazione è stata eseguita sotto la supervisione di Andy Kiser, il cardiochirurgo statunitense che ha inventato la tecnica e che finora l'ha applicata in alcune decine di casi. Nel torace dei due pazienti sono stati eseguiti alcuni forellini di alcuni millimetri di diametro, nei quali è stata introdotta una sonda di ablazione a radiofrequenza che ha permesso di bloccare l'impulso anomalo causa dell'aritmia.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato