Meno rischio infarto se in forma da giovani

Redazione DottNet | 09/01/2014 15:23

cardiologia infarto

C'è meno probabilità di avere infarti in tarda età se si è in buona forma fisica fin da adolescenti. A scoprirlo una ricerca svedese appena pubblicata sull'European Heart Journal, che ha studiato le caratteristiche e le abitudini di 750mila persone. I ricercatori hanno scoperto che ad ogni incremento del 15% di attività fisica di tipo aerobico in giovane età, come ad esempio la corsa o il nuoto, corrisponde un abbassamento del rischio di infarto del 18% a distanza di 30 anni.

 

 Inoltre, secondo gli esperti un allenamento regolare nell'età dell'adolescenza è associato ad una ulteriore riduzione del rischio del 35% in tarda età, e questo indipendentemente dall'indice di massa corporea della persona. "Anche se - precisano gli scienziati - persone che si mantengono in forma ma che risultano comunque in sovrappeso hanno un rischio di infarto significativamente più alto di coloro che invece hanno un peso nella norma". "Le nostre scoperte - commenta Peter Nordstrom, Università di Umea, che ha guidato la ricerca - suggeriscono che è più importante non essere in sovrappeso o obesi, piuttosto che essere in forma; ma in ogni caso, è certamente meglio essere entrambe le cose: normopeso e allenati". Ad ogni modo, la relazione tra forma fisica e infarti è più complicata di quanto si immagini: "Ad esempio, continua lo scienziato - ci sono persone che hanno una predisposizione genetica che li fa stare in forma più facilmente, o che abbassa il loro rischio cardiovascolare. In ogni caso - conclude Nordstrom - saranno necessari studi ulteriori per confermare la validità clinica di queste scoperte: ma data la forte associazione che abbiamo trovato, e dato che le pratiche per rimanere in forma sono accessibili pressoché a tutti, è indubbia l'importanza di questa scoperta per la salute pubblica".
 

Fonte: european heart journal