Sostanze dopanti, entro la fine del mese l'elenco

Farmacia | Redazione DottNet | 14/01/2014 11:15

C’è tempo fino alla fine del mese per trasmettere al ministero della Salute elenco e quantità delle sostanze “dopanti” utilizzate nel 2013 per preparazioni estemporanee. L’obbligo è sancito dal decreto ministeriale 24 ottobre 2006, modificato da un secondo decreto datato 18 novembre 2010: entro il 31 gennaio di ogni anno, i titolari devono inviare in modalità esclusivamente elettronica i dati dell’anno precedente sui quantitativi utilizzati e venduti dei principi attivi il cui impiego è considerato doping.

Per farlo è necessario servirsi del modulo elettronico messo a disposizione dal ministero della Salute sul proprio sito; la compilazione, inoltre, va effettuata soltanto da postazioni connesse a internet e fornite di posta elettronica con casella Pec (Posta elettronica certificata), perché il modulo va inviato all’indirizzo rildoping@postacert.sanita.it, anch’esso Pec. Sul sito del Ministero sono anche disponibili le istruzioni per la compilazione  e l’invio del modulo, così come un elenco dei principi attivi vietati per doping (alla sezione antidoping). In particolare, non sono soggetti a trasmissione i dati relativi all’alcool etilico, al mannitolo e glicerolo utilizzati per via diversa da quella endovenosa e i principi attivi di cui alla classe S9 - Corticosteroidi utilizzati nelle preparazioni per uso topico, comprese quelle per uso cutaneo, oftalmico, auricolare, nasale e orofaringeo (dm 3 febbraio 2006).  Tutte le ricette o i fogli di lavorazione giustificativi delle sostanze utilizzate o vendute nel corso del 2013 dovranno essere conservate fino al prossimo 31 luglio.


Fonte: Federfarma

 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato