Via libera dall'Ema a 81 nuovi farmaci

Farmaci | Redazione DottNet | 23/01/2014 15:03

Sono 81 i farmaci raccomandati per l'immissione in commercio, nel 2013, dal Comitato per i prodotti medicinali a uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea dei medicinali (Ema). Un numero più consistente rispetto a quello del 2012, quando erano stati 57, come spiega lo stesso ente dal suo sito. In linea con gli anni precedenti, il numero di farmaci contenenti nuovi principi attivi è abbastanza alto e continua a crescere.

 Nel 2013 sono stati 38, contro i 35 del 2012, i 25 del 2011 e i 15 del 2010. Rimane invece abbastanza stabile quello dei generici, se paragonato all'anno precedente, ma in calo rispetto agli ultimi anni. Nel 50% dei casi chi richiede l'autorizzazione per il farmaco riceve suggerimenti di tipo scientifico dal Chmp nella fase di sviluppo del farmaco. Cosa che incrementa notevolmente le probabilità di un esito positivo della richiesta, facendole salire al 90%, contro il 30% per le aziende che non hanno richiesto supporto scientifico. Sono inoltre state raccomandate due nuove terapie medicinali avanzate (che portano a 4 in totale le terapie del genere approvate dal 2009): si tratta di farmaci innovativi derivati dalla terapia genica, terapia cellulare o ingegneria dei tessuti, che aprono nuove opportunità per il trattamento di malattie e lesioni. Cresciuto anche il numero di farmaci per le malatte rare raccomandati per l'immissione in commercio, passato dai 4 nel 2011, a 8 nel 2012 e 11 nel 2013. Nel 2013 ci sono state inoltre le prime due opinioni positive per anticorpi monoclonali biosimilari. Ci sono stati anche più nuovi farmaci raccomandati per il cancro e tre per la tubercolosi multi-resistente, oltre a 4 nuovi farmaci per l'hiv, tutti con nuovi principi attivi, e 5 per il diabete di tipo II.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione 

Fonte: ema

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato