Enpaf, cala l'aliquota contributiva per i disoccupati

Previdenza | Redazione DottNet | 04/02/2014 16:59

Sconto ai farmacisti disoccupati: l'aliquota contributiva di solidarietà scende dal 3 all’1% per gli iscritti in stato di disoccupazione temporanea ed involontaria, con effetto dal primo gennaio 2014, e pertanto, a partire dalla corrente annualità di contribuzione. Il via libera arriva dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha approvato la deliberazione n. 3 del 26 novembre 2013 con cui il Consiglio Nazionale dell’Enpaf ha rimodulato l’aliquota contributiva.

Per gli iscritti che versano il contributo di solidarietà avendone diritto quali disoccupati temporanei ed involontari, l’aliquota contributiva all’1% è disposta d’ufficio. Il Presidente dell’Ente, Emilio Croce, ha sottolineato l’importanza della modifica regolamentare approvata che favorisce una rimodulazione della contribuzione soggettiva per coloro che vivono una situazione di difficoltà economica conseguente allo stato di disoccupazione. “La modifica dell’art. 21 approvata, come anche il contributo assistenziale straordinario in favore dei farmacisti rurali a basso reddito, e le ulteriori iniziative assistenziali in essere e quelle che verranno adottate nel corso dell’anno per alleviare le situazioni di bisogno di altre componenti la categoria dimostrano - ha precisato Croce - che l’Enpaf, ampliando la sfera degli interventi a sostegno del reddito, in un periodo particolarmente difficile, è presente con i fatti”. Pertanto, per l’anno 2014, l’importo della quota contributiva di solidarietà per i disoccupati temporanei ed involontari è pari ad euro 44,00, cui vanno aggiunti 29,00 euro per il contributo di assistenza e 15,00 euro per il contributo di maternità, per un totale di 88,00 euro.  

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: enpaf

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato