Alte dosi di isoflavoni in donne in postmenopausa

Redazione DottNet | 20/11/2008 14:37

Con la menopausa la donna va incontro a cambiamenti del proprio corpo ed in particolare ad aumento nella massa grassa. Oltre a ciò, l’avanzare dell’età, una diminuita attività fisica ed un aumento degli stati infiammatori, può facilmente predisporle a sviluppare anche diabete di tipo 2. Più studi hanno mostrato come gli isoflavoni migliorino i parametri metabolici nelle donne in postmenopausa, anche se il loro effetto su adipochine/citochine non è ancora chiaro. A Baltimora è stato effettuato uno studio che ha coinvolto 75 donne sane in postmenopausa. Nelle pazienti sono stati misurati valori di glucosio, insulina e adipochine/citochine; tutte le pazienti sono state randomizzate a trattamento con 20g di proteine di soia con 160mg di isoflavoni totali (64 mg di genisteina, 63 mg daidzeina e 34mg di gliciteina) o 320g di proteine di soia placebo per 12 settimane. Le donne già in trattamento con estrogeni hanno interrotto la terapia almeno 3 settimane prima di essere coinvolte nello studio. Supplementi sono stati somministrati in forma di polvere e consumati una volta/die con latte o altre bevande. L’età media nel gruppo placebo e nel gruppo in trattamento attivo era simile. Il tempo intercorso dalla menopausa era in media di 9 anni e due terzi delle pazienti aveva avuto menopausa naturale.

I due gruppi di pazienti non presentavano alcuna significativa differenza riguardo l’indice di massa corporea (placebo, 25.1 kg/m; gruppo in trattamento attivo, 26 kg/m) e nessuna variazione significativa è stata evidenziata durante lo studio. Di base il gruppo trattato con placebo aveva livelli significativamente più alti di tumor necrosis factor alpha; nessuna differenza si evidenziava riguardo altri parametri. Dopo 12 settimane di trattamento sono state rilevate significative variazioni positive dei livelli di tumor necrosis factor alpha nell’ambito del gruppo placebo e dei livelli di adiponectina nell’ambito del gruppo trattato con isoflavone. Il confronto tra pre- e post-variazioni tra i due gruppi di pazienti in studio ha mostrato un piccolo ma significativo aumento nei livelli di adiponectina sierica nel gruppo di donne in trattamento con isoflavoni rispetto al gruppo placebo. Tra i due gruppi non è stata osservata alcuna significativa variazione riguardo altri parametri. In conclusione in donne sane in postmenopausa con peso corporeo normale non è rilevabile miglioramento dei parametri metabolici in seguito all’utilizzo di isoflavoni ad alte dosi malgrado un aumento nei livelli di adiponectina sierica. Il ruolo degli isoflavoni in donne obese e insulino-resistenti necessita ancora di ulteriori studi
Per saperne di più
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato