Pagamenti delle parcelle col bancomat: slitta al giugno 2014

Redazione DottNet | 10/02/2014 20:00

medicina professione sanità-pubblica

I professionisti, tra cui medici e odontoiatri, dal prossimo 30 giugno 2014 dovranno accettare pagamenti elettronici, quindi anche con il bancomat, per importi superiori ai 30 euro. E' quanto prevede il decreto Milleproroghe all'esame del Parlamento, facendo marcia indietro rispetto al termine previsto inizialmente.

Sul tema è intervenuto anche un decreto del Ministero dello Sviluppo economico, di concerto con quello dell'Economia, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 gennaio, che stabilisce che in prima applicazione, fino al 30 giugno 2014, l'obbligo del bancomat si applicherà solo ai pagamenti fatti a favore di commercianti e professionisti, il cui fatturato dell'anno precedente sia stato superiore a 200mila euro. Lo stesso decreto prevede inoltre che entro 90 giorni dopo l'entrata in vigore del decreto, le modalità di adeguamento per i soggetti con fatturato inferiore a 200 mila euro, inizialmente esclusi, potranno essere definite con un ulteriore provvedimento.  Una misura che i medici valutano ''corretta e giusta da fare per la tracciabilità dei pagamenti'', ma che comporterà degli aggravi nei costi di gestione. ''Come al solito in Italia si lavora con le proroghe - commenta Luigi Conte, segretario della Fnomceo (Federazione ordini medici) - Noi non abbiamo niente da dire contro questo provvedimento. La lotta all'evasione è doverosa, ma ci sono delle difficoltà oggettive di cui dobbiamo farci carico. Una volta per tutte però si decida una scadenza seria, e tutti ci mettiamo in linea. Basta con proroghe di 5-6 mesi, che non servono a niente''. La proroga, rispetto all'1 gennaio, era inizialmente prevista per il 30 giugno 2015, ma poi all'ultimo è stata fissata per giugno 2014. Inoltre, rileva la Fnom, ''non c'è alcuna sanzione per chi non si doti di pos, e sono pochi i professionisti che da soli fatturano più di 200mila euro - conclude -. Ad avere il pos saranno i grossi centri. Questa misura è più un invito a dotarsi di questo s trumento''.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: interna