Mediolanum dona antibiotici al Centroafrica

Aziende | Redazione DottNet | 08/02/2014 15:46

Nella guerra civile che insanguina la Repubblica Centrafricana si sta consumando un genocidio che mette in pericolo soprattutto i bambini. Lo sottolinea 'Mediolanun Farmaceutici', che ha deciso di donare duemila confezioni di antibiotici per la cura di infezioni batteriche gravi e 10mila confezioni di un integratore alimentare ad 'Amici per il CentrAfrica'.

In questo modo l'azienda farmaceutica a capitale interamente italiano, risponde all'appello di questa Onlus che sta operando nella Repubblica Centrafricana per garantire assistenza sanitaria soprattutto ai bambini. ''Le donne, i bambini e gli uomini centrafricani stanno vivendo il peggiore degli incubi, quello del genocidio - denuncia Amici per il CentrAfrica Onlus -. Dopo la guerra mercenaria e feroce delle truppe Séléka, in Centrafrica si respira solo paura. L'unica legge è quella del taglione: etnia contro etnia e fede contro fede. Gli uomini vengono mutilati a colpi di machete, le donne abusate e i bimbi costretti a essere spettatori di questi avvenimenti''.  I prodotti donati dall'azienda italiana contribuiranno a contrastare infezioni e malnutrizione, due delle più gravi emergenze che i volontari di Amici per il CentrAfrica Onlus si trovano ad affrontare in questi giorni all'interno del Centro 'La Joie de Vivre', che sabato 25 gennaio - data dell'ultimo censimento - accoglieva 1.200 bambini senza famiglia. ''I bambini soffrono di infezioni acute alle vie respiratorie, malaria, malnutrizione grave, fratture, diarrea e anemie severe - sottolinea la Onlus -. E in tutto il Paese e nella capitale non ci sono più farmaci disponibili, né cibo a sufficienza''.  ''Attraverso questa donazione, Mediolanum Farmaceutici punta a fare da cassa di risonanza verso l'industria farmaceutica italiana - commenta l'Ad Alessandro Del Bono - all'allarme lanciato dalla Onlus: in Centrafrica si sta per consumare un genocidio, e all'interno del quadro dell'emergenza umanitaria si segnala una gravissima carenza di farmaci''

Fonte: mediolanum, ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato