Quattro big pharma si alleano contro i tumori

Aziende | Redazione DottNet | 09/02/2014 15:17

Un'altra 'alleanza' tra case farmaceutiche, dopo quella che qualche giorno fa ne ha viste dieci mettersi insieme per la lotta a quattro malattie, testerà nuove terapie contro i tumori. Lo ha annunciato la multinazionale Merck, che ha promosso l'accordo con tre concorrenti per lo sviluppo congiunto della propria molecola che ha il nome provvisorio di MK-3475.

 Il farmaco 'messo in comune' da Merck è un immunoterapico, che dovrebbe permettere al sistema immunitario a riconoscere le cellule tumorali 'silenziando' una proteina chiamata Pd-1. Secondo gli ideatori potrebbe essere efficace da solo o in combinazione con altri farmaci su un gran numero di tumori, tanto che l'azienda ha già iniziato studi su 20 di questi. L'alleanza con Pfizer, Amgen e Incyte, dopo quella annunciata nelle scorse setttimane, permetterà di aumentare il numero di tumori studiati: ognuna di queste aziende parteciperà a uno o più test clinici di fase 1 e 2 che comprendono Mk-3475 e una loro molecola antitumorale su una serie di tumori che vanno da quello al polmone a l melanoma avanzato. ''Queste nuove collaborazioni - sottolinea Roger M. Perlmutter, presidente di Merck Research Laboratories - sottolineano la nostra determinazione comune nel valutare trattamenti che possano portare grandi benefici ai pazienti''. Merck e Pfizer sono anche tra i protagonisti della Accelerating Medicines Partnership, l'alleanza lanciata dall'Nih americano. In questo caso però l'accordo prevede di mettere in comune la ricerca di base, per ottenere dei bersagli per terapie contro diabete, Alzheimer, artrite reumatoide e lupus che ogni singola azienda sfrutterà da sola per sviluppare farmaci.  

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato