In Italia aumentano i casi di tumore da zero a 14 anni

Redazione DottNet | 12/02/2014 15:35

Nel mondo i tumori sono la prima causa di morte tra gli adolescenti e i giovani. In Italia si stima che nel 2020 nella popolazione compresa tra 20 e 39 anni, un adulto ogni 350 sarà stato curato di tumore in età evolutiva mentre nel 2000 era di uno ogni 900. Ogni anno vengono registrati in Italia circa 1.500 nuovi casi di tumori nella fascia 0-14 anni e 800 in quella 15-19.

Negli ultimi anni l'aumento di cancri maligni in bambini e adolescenti è di circa il 2%. Questi i dati più recenti diffusi dall'Oncoematologia Pediatrica dell'Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino. Il centro accoglie ogni anno un numero crescente di piccoli pazienti di altre regioni e altre nazioni: 85 nuovi casi nel 1989, 144 nel 2013. Il 14 Febbraio, in occasione della XII Giornata Mondiale contro il cancro infantile, Torino dedica un summit medico-scientifico che intende "fare il punto" sugli interventi di prevenzione e cura. Neoplasie più diffuse tra bambini e adolescenti sono le leucemie, i tumori del sistema nervoso centrale, linfomi, tumori dei tessuti molli, renali, ossei. Da'altra parte si è osservato che le probabilità di guarigione sono aumentate: nel 1970 inferiore al 40%, nel 2014 maggiore dell'80%. Non così, però, nei Paesi poveri dove le probabilità di guarire scendono al 20%. All'Oncoematologia Pediatrica di Torino il numero dei pazienti stranieri è passato da meno del 2% fino al '99 al 14% dal 2000 al 2012.
 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato