Fascicolo elettronico: dai dati alla privacy, ecco come sarà

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 14/02/2014 15:54

Il fascicolo sanitario elettronico è sul tavolo della conferenza Stato-Regioni. L'esame da parte dei tecnici è previsto nei prossimi giorni, ma da ciò che si legge nel documento si tratta di un passaggio indispensabile “per rendere facilmente consultabile la storia clinica dei pazienti, eliminare gli sprechi e aumentare la trasparenza nei confronti dei cittadini”.

 Il provvedimento ottempera a quando stabilito nella legge n. 221 del 17 dicembre 2012, e successive modificazioni (misure urgenti per la crescita del paese), in coerenza con le norme sulla privacy. Ecco, dunque, come sarà strutturato il fascicolo elettronico: ci saranno innanzitutto i dati, uguali in tutte le Regioni (oltre ai dati identificativi dell’assistito, referti, verbali di pronto soccorso, lettere di dimissione, dossier farmaceutico, consenso o diniego alla donazione di organi) accompagnati da altre notizie come prescrizioni specialistiche e farmaceutiche, prenotazioni specialistiche e di ricovero, cartelle cliniche, Adi, erogazioni di farmaci, vaccinazioni, certificati medici, esenzioni ecc. la privacy sarà molto rigorosa: la titolarità del trattamento per finalità di cura compete ai soggetti del Ssn e dei servizi socio-sanitari che prendono in cura l’assistito, presso cui sono redatti i dati e i documenti sanitari che alimentano il Fse. E non è tutto: il provvedimento specifica anche diritto dei cittadini che alcuni dati e documenti non possano essere consultati dai soggetti che accedono al Fse. Anzi, per tutelare ancora di più la privacy dell’assistito si stabilisce anche il principio del cd “oscuramento dell’oscuramento”, ossia che quanto accedono ai dati non possono venire automaticamente a conoscenza del fatto che l’assistito ha operato questa scelta. Per monitorare e indirizzare le disposizioni in materia di Fse sarà istituito nell’ambito della cabina di regia del Nsis un tavolo tecnico ad hoc.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: stato-regioni

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato