In Italia ogni anno 50mila nuovi casi di fibrillazione atriale

Redazione DottNet | 14/02/2014 15:57

cardiologia fibrillazione-atriale sanità-pubblica

La fibrillazione atriale è la più comune forma di aritmia cardiaca. In Italia sono 610mila i pazienti e oltre 50mila i nuovi casi diagnosticati ogni anno. I dati sono stati presentati oggi a Milano in occasione del lancio di Reveal Linq, nuovo dispositivo impiantabile per il monitoraggio cardiaco.

Quando si soffre di fibrillazione atriale, le camere superiori ed inferiori del cuore non battono in modo sincrono e il cuore non riesce a svolgere bene le sue normali funzioni: gli atri si contraggono rapidamente e caoticamente, favorendo la formazione di coaguli di sangue, mentre i ventricoli si riempiono con meno sangue, e lavorano meno efficacemente determinando una perdita di funzionalità cardiaca. Il 70% dei pazienti percepisce la fibrillazione atriale come un battito cardiaco veloce e irregolare, mentre nel 30% dei casi i sintomi sono sfumati o non ci sono. ''La fibrillazione atriale è la causa di un terzo degli ictus in tutto il mondo - spiega Fiorenzo Gaita, direttore del reparto di Cardiologia Universitaria dell'Ospedale Molinette di Torino - e i pazienti affetti hanno un rischio di ictus 5 volte maggiore, nonché un aumento del rischio di scompenso cardiaco e di morte cardiaca improvvisa rispetto a chi non ne soffre''. Uno studio condotto dal gruppo di Gaita, pubblicato sul 'Journal of the American College of Cardiology', ''dimostra che non solo la fibrillazione atriale è causa di ictus - continua - ma anche di eventi ischemici cerebrali silenti, che riducono la capacità cognitiva dei pazienti con fibrillazione atriale rispetto a quelli con ritmo sinusale''. I primi episodi di fibrillazione atriale durano poco e si risolvono spontaneamente. Con il progredire della malattia però, aumentano frequenza e durata. La diagnosi spesso non avviene nelle prime fasi della malattia, ma solo quando gli episodi hanno durata giornaliera e sono documentabili con l'elettrocardiogramma. Per ridurre il rischio di ictus e l'affaticamento del cuore è fondamentale una diagnosi precoce.
 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: Journal of the American College of Cardiology