Inps, approvato il bilancio di previsione: 12 miliardi il disavanzo

Previdenza | Redazione DottNet | 19/02/2014 17:37

Il Civ dell'Inps ha approvato il bilancio di previsione dell'Istituto per il 2014 con il voto contrario della Uil. Nel bilancio che non tiene ancora conto degli interventi della legge di stabilità, fa sapere il presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza Pietro Iocca, si stimano un disavanzo economico di esercizio di 11.997 milioni di euro (contro un disavanzo di 14,4 miliardi nel 2013) e 12.021 milioni di disavanzo finanziario di competenza. Si prevede inoltre il segno meno di fronte al patrimonio (4.529 milioni).

 ''Si premette - si legge nella nota del Civ - che, per la tempistica di approvazione, il Bilancio approvato non tiene conto né della legge di stabilità 2014 né delle previste coperture dei disavanzi economici annuali della Ctps (gestione dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato nell'ambito del soppresso Inpdap), che determineranno un avanzo patrimoniale di circa 21 miliardi. Tale avanzo sarà rilevato in occasione della prima nota di variazione al bilancio di previsione 2014''. Il bilancio, al netto degli interventi della legge di stabilità, prevede 211.073 milioni di entrate contributive, (+922 milioni rispetto al 2013) e 304.724 milioni di prestazioni istituzionali, (+1.009 milioni rispetto al 2013). In particolare la spesa per prestazioni pensionistiche dovrebbe risultare pari a 269.464 milioni (+3.472 milioni rispetto al 2013). Si prevedono 11.997 milioni di disavanzo economico di esercizio (-2.410 milioni rispetto al al 2013) e 4.529 milioni di disavanzo patrimoniale alla fine del 2014. ''Le disposizioni della legge di stabilità 2014 - afferma Iocca - consentono di recuperare il decremento subito dal patrimonio dell'Inps per effetto dell'incorporazione dell'ex Inpdap avvenuta nel 2012. Detto decremento era dovuto in parte al pregresso disavanzo patrimoniale dell'ente soppresso e in parte al disavanzo economico d'esercizio di due gestioni, sempre del predetto ente: la cassa pensioni dei dipendenti degli enti locali (Cpdel) e la cassa pensioni dipendenti dello Stato (Ctps). ''Nell'approvare il bilancio di previsione dell'Inps 2014 - si legge nella nota - il Civ ribadisce la necessità di monitore attentamente gli equilibri di bilancio di tutti i fondi e le gestioni previdenziali amministrate dall'Inps che presentano un trend negativo, per le quali è necessario trovare soluzioni legislative da parte dei Ministeri vigilanti''. Dal bilancio di previsione si rileva altresì, che in applicazione delle numerose disposizioni legislative emanate negli ultimi anni, l'Istituto ha realizzato risparmi della spesa di funzionamento per oltre 500 mln. Tuttavia, nel 2014 questi risparmi non costituiscono per l'Inps una economia che migliora l'avanzo economico - patrimoniale del bilancio, bensì un onere posto annualmente a carico delle gestioni previdenziali in quanto gli stessi devono essere trasferiti al bilancio dello Stato.

Fonte: inps

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato