Pierrel: Goccles diventa Ce. Eccesso di rialzo in Borsa

Redazione DottNet | 02/03/2014 14:15

Goccles, il sistema di lenti per individuare tracce pre cancerose nel cavo orale, ha ottenuto il marchio Ce. Prima conseguenza lo stop alle quotazioni in Borsa del Gruppo per eccesso di rialzo.

 

Gooccles (Glasses for Oral Cancer - Curing Light Exposed - Screening)  di Pierrel, è un dispositivo ottico progettato per la valutazione diretta delle lesioni precancerose del cavo orale attualmente in fase di  sperimentazione presso sei  strutture ospedaliere. Il dispositivo ha ottenuto nei giorni scorsi il marchio di conformità CE che certifica la rispondenza ai requisiti essenziali per la commercializzazione e l’utilizzo nell’Unione Europea e nei Paesi aderenti all’EFTA (Associazione europea di libero scambio che include Islanda, Norvegia e Liechtenstein). Il buon esito dell’iter di concessione del marchio CE permette adesso a  Pierrel Pharma di aprirsi a nuovi mercati. Ma vediamo che cos'è Gooccles e come funziona: è un occhiale dotato di filtri ottici speciali, capace di evidenziare lesioni cancerose in stadio precoce (diagnosi che consente la guarigione nel 95% dei casi). Sviluppato e brevettato presso l’Università Cattolica di Roma, è un sistema rivoluzionario che grazie alla semplicità ed economicità di utilizzo, può essere impiegato senza dispendio di mezzi.  Per poter essere adoperato, infatti, Goccles ha bisogno solo di una fonte luminosa non sofisticata, come le lampade fotopolimerizzanti già presenti in tutti gli studi odontoiatrici. A tutto ciò si aggiunga che il nuovo strumento di Pierrel, per peso e disegno, è confortevole per lo specialista che lo adopera, ma soprattutto non è invasivo per il paziente. Inoltre ha un costo decisamente contenuto, come precisa l'azienda. Raffaele Petrone (nella foto), amministratore delegato di Pierrel S.p.A., commenta: "La marcatura CE per Goccles è uno dei primi positivi risultati della strategia industriale del Gruppo la quale si incardina su quattro direttrici: ricerca d’avanguardia anche indirizzata al repositioning di farmaci per individuare nuove indicazioni terapeutiche; sviluppo di dispositivi medici altamente innovativi; produzione in proprio e in conto terzi di standing altissimo; strategie commerciali globali. In particolare, Pierrel sul fronte della ricerca può contare sia su collaborazioni di primario livello - e il caso dell’Università di Roma con Goccles lo dimostra -, sia sui centri ricerca interni. E oggi che si celebra il Rare Desease Day 2014, penso soprattutto alla nostra THERAMetrics, schierata in prima linea nella battaglia contro le malattie rare grazie a una metodologia unica al mondo che sfrutta le scienza dei Big data. Una metodologia che ha già generato una notevole serie di molecole (per indicazioni respiratorie, malattie infettive, cancro) dotate di proprietà intellettuale protetta e di designazione di farmaco orfano. Molecole che hanno già attirato l’attenzione ed interesse di più di 40 aziende farmaceutiche in tutto il mondo".

fonte: pierrel

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato