Agenas: un atto straordinario

Farmaci | Redazione DottNet | 05/03/2014 19:55

"Un atto di straordinaria rilevanza": così il presidente dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) Giovanni Bissoni commenta, in una nota, il provvedimento con cui l'Antitrust ha sanzionato Novartis e Roche per la spartizione del mercato dei farmaci Avastin/Lucentis.


"Va dato atto all'Antitrust - spiega Bissoni - di aver confermato, con una ricostruzione precisa e puntuale dei fatti, quanto già sostenuto da quella parte del mondo scientifico e regolatorio abituata a interpretare e a capire la realtà dei fatti senza fermarsi alle apparenze, segnalando l' inadeguatezza o la subalternità delle norme. La ricerca farmaceutica e la produzione di nuovi farmaci rappresentano un settore fondamentale per il progresso delle cure, la sopravvivenza e la qualità di vita delle persone malate e, spesso, la loro guarigione". Tali alti valori, purtroppo, rileva Bissoni, "convivono a volte con la protezione di rendite che vanno ben oltre i legittimi interessi economici dell'industria e la salvaguardia del mercato. La gravità di questi atteggiamenti è tanto più intollerabile in un settore industriale ad alta responsabilità sociale che riguarda la salute delle persone, senza voler scomodare valori etici".

Il presidente dell'Agenas auspica che "questo provvedimento porti i livelli politico istituzionali e regolatori - nazionali ed europei - a porre più attenzione alla necessità di rafforzare la capacità del Servizio sanitario di governare al meglio l'efficacia e l'innovazione dei farmaci, distinguendo quella vera da quella presunta, e legando con trasparenza a queste valutazioni il sistema di rimborso e di approvvigionamento dei farmaci". Valga per tutti, aggiunge Bissoni, "una riflessione sulla fine ingloriosa del Decreto Balduzzi (Decreto legge 158/2012) che 'pretendeva' di introdurre norme specifiche per evitare il permanere e il ripetersi di fatti come Avastin/Lucentis, norme adeguatamente e chirurgicamente purgate in sede di conversione in legge. Ricostruire le varie fasi della vicenda Avastin/Lucentis, e trarne le dovute conseguenze - conclude - sarebbe buona cosa nel momento in cui il Paese e il Servizio sanitario nazionale sono alle prese con la revisione della spesa, per ridurre le inefficienze e gli sprechi e migliorare la qualità e la sicurezza delle cure".

fonte: agenas

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato