Irap Mmg: l'Agenzia delle entrate valuterà i singoli casi

Redazione DottNet | 13/03/2014 10:52

medicina-generale sanità-pubblica fisco

"L'Agenzia delle entrate, per quanto riguarda l'esenzione dell'Irap per gli ambulatori dei medici di medicina generale, valuterà caso per caso. Infatti per questo settore è previsto solo un intervento normativo e non amministrativo".

E' la risposta del Governo, rappresentato dal sottosegretario per Riforme costituzionali e rapporti con il Parlamento, Sesa Amici, all'interpellanza urgente alla Camera che chiedeva un intervento di esclusione degli oneri fiscali derivanti dall'interpretazione applicata dall'Agenzia delle entrate all'ambulatorio del medico di medicina generale. "Da un presidio del Servizio sanitario nazionale - sostiene l'interpellanza - e dalla sua migliore organizzazione non possono derivare vantaggi per il medico. Per i medici di medicina generale, limitatamente all'ambito di esercizio dell'attività convenzionata, qualunque organizzazione ed implementazione della qualità dei servizi a vantaggio dei cittadini non è in grado di produrre maggior reddito per il professionista ed anzi, dovendone lo stesso sostenere i costi, è fonte di impoverimento. Ma - osserva l'interpellanza - coloro che già sostengono le spese di un collaboratore proprio per migliorare la qualità del servizio fornito e realizzare una medicina territoriale d'iniziativa e proattiva, vengono assoggettati alle imposte proprie dell'autonoma organizzazione finalizzata all'implementazione del reddito, cosa per l'appunto tecnicamente impossibile. Risulta prevedibile che i medici di medicina generale per evitare i costi aggiuntivi a loro carico, a completo svantaggio dei cittadini e con significativi danni occupazionali, optino per il regresso nella qualità del servizio con il licenziamento forzato dei numerosi collaboratori, disperdendo tra l'altro qualità professionale".

Fonte: adn