Fimmg: l'Mmg e l'Isf, un rapporto soddisfacente

Medicina Generale | Redazione DottNet | 20/03/2014 14:10

Presentato ieri a Milano il sondaggio Fimmg sul rapporto tra Mmg e informatori. Da analoghe indagini effettuate attraverso Dottnet nei mesi sorsi è emersa la soddisfazione dei rapporti tra medico di famiglia e informatori, una professione che si sta evolvendo sempre di più. Ed è in questo contesto in rapido sviluppo, grazie anche alle nuove tecnologie, si sta facendo strada il detailing un mezzo innovativo, immediato e ad alto impatto per quanto riguarda le notizie e gli aggiornamenti scientifici. Una formula decisamente moderna che le aziende farmaceutiche stanno apprezzando sempre di più per gli innegabili vantaggi che offre in termini economici e di gradimento da parte degli Mmg.

I medici di medicina generale sono soddisfatti della relazione personale con gli informatori scientifici del farmaco e per la loro preparazione professionale. E’ quanto emerge dal sondaggio  realizzato dal Centro Studi FIMMG su un campione di mille mmg e presentato ieri a Milano, in occasione del Convegno Nazionale "ISF 
2014: Come cambia l’Informazione Scientifica del Farmaco: stato dell’arte e prospettive future”. Il 67% degli intervistati ha espresso una soddisfazione elevata per la relazione personale con gli informatori scientifici e l’85% una  soddisfazione medio-alta per la loro preparazione professionale.Negli ultimi anni, però, il numero delle visite settimanali che i medici di famiglia ricevono da parte degli informatori si è “marcatamente ridotto” secondo il 73,7% dei professionisti. Il 44% dei mmg riferisce di incontrare un ISF  meno di 5 volte alla settimana.La modalità dell’informazione è rimasta sostanzialmente tradizionale.  Durante le presentazioni dei farmaci i tablet e pc vengono utilizzati dagli ISF  “a volte”, secondo quanto riferito dal 44.4 % dei medici, e “raramente” per il 25%. Alla metà dei mmg (51,3%) è capitato di essere contattata  a volte dalle aziende del farmaco per attività di 
informazione/promozione mentre al 23% solo raramente.

“Il sondaggio mette in evidenza, inoltre, che i medici di medicina generale considerano  tra gli aspetti che più condizioneranno il rapporto tra medicina generale e ISF la concentrazione dei farmaci a elevato costo in ambito ospedaliero e le spending review  – spiega Fiorenzo Corti, responsabile della comunicazione della Fimmg, illustrando i dati dell’indagine -  Il miglioramento dell’obiettività  scientifica, della correttezza e della  completezza delle informazioni sono gli aspetti maggiormente richiesti dai mmg”.
 

fonte: interna, Fimmg

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato