Regioni, a noi i soldi risparmiati nella sanità

Redazione DottNet | 20/03/2014 16:02

regioni sanità-pubblica ssn

Le Regioni chiedono che vengano assicurati per la sanità i 109,902 miliardi già previsti per il 2014, i 113,352 miliardi previsti per il 2015 e i 117,563 miliardi per il 2016.

 

 "E' stato concordato che i risparmi derivanti da azioni di razionalizzazione della spesa sanitaria - si legge in un documento che è stato presentato dalle Regioni al Governo - debbano rimanere nella disponibilità dei bilanci sanitari". I governatori ricordano che si sono svolti diversi incontri per l'elaborazione del Patto per la salute, in particolare sui temi dell'adeguamento dei Livelli essenziali di assistenza, con l'impegno di un Dpcm entro il 30 giugno 2014, della revisione delle misure di compartecipazione ed esenzione, della gestione delle risorse umane e dell'assistenza ospedaliera. I presidenti delle Regioni sottolineano come rimangano criticità nel settore dell'edilizia sanitaria, mentre, per quanto riguarda le politiche sociali, sostengono sia "necessario far confluire in un unico Fondo le risorse frammentate". Sulla richiesta delle Regioni di reinvestire le risorse ottenute dalla Spending review in sanità nel settore stesso, Renzi ''è stato prudente'' e darà una risposta ''nei prossimi giorni''. Lo ha riferito il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani (nella foto), dopo l'incontro con il governo. Il presidente del Consiglio, ha detto Errani, ''ha affermato di capire la posizione espressa dalle Regioni'' in merito alla necessità che le risorse ottenute dai processi di qualificazione e razionalizzazione della spesa sanitaria vadano reinvestite nella sanità. Sulla questione, ha affermato Renzi, secondo quanto reso noto da Errani, ''vi darò una risposta nei prossimi giorni''.

fonte: ansa