Epatite C, curarsi costa 60mila euro al mese. Liste per i facoltosi

Redazione DottNet | 12/04/2014 16:50

farmaci infettivologia sanità-pubblica epatopatie epatite-C

Eliminano il virus dal sangue in poco tempo e senza effetti collaterali, ma rischiano di rimanere un privilegio per pochi. I nuovi superfarmaci contro l'epatite C in arrivo, afferma Antonio Gasbarrini, epatologo del policlinico Gemelli di Roma, rischiano di mettere ko i sistemi sanitari mentre già i primi pazienti facoltosi li comprano spendendo 60mila euro al mese.


''Un futuro senza virus è a un passo da noi ma lo pagheremo caro - spiega l'esperto a margine dell'International Liver Congress a Londra -. Soltanto per l'unico farmaco giá approvato sono stati spesi negli Usa 2,4 miliardi di dollari per appena 30mila pazienti. Io vedo giá molti malati che seguo e che ne hanno la possibilitá che lo comprano pagandolo di tasca propria 60mila euro al mese, e in qualche caso non c'è neanche una risposta alla terapia. Per le terapie combinate, più efficaci, si spenderà ancora di più, e questi prezzi non sono sostenibili neanche per paesi più ricchi dell'Italia''. La corsa all'acquisto da parte dei pazienti è stata confermata anche da altri specialisti che lavorano nel nord Italia. Attualmente l'Aifa sta trattando il prezzo del primo farmaco della nuova generazione, ma a breve ne arriveranno molti altri. Secondo l'esperto l'unica soluzione è che le aziende accettino di praticare prezzi più bassi. ''Spero che durante le contrattazioni le aziende capiscano che devono abbassare i prezzi - afferma -, inoltre le istituzioni potrebbero decidere un 'budget per patologia', dicendo inoltre che non possiamo spendere più di una certa cifra per paziente, che potrebbe essere intorno ai 30mila euro per rimanere nella costo-efficacia. Non possiamo permetterci di spendere tutto il budget sanitario su una sola malattia''.

fonte: ansa