Dottnet cambia nel segno dell'innovazione

Professione | Redazione DottNet | 16/04/2014 10:33

Dottnet cambia. Il web si evolve e anche il nostro social, che ha in sé il Dna dell'innovazione, deve adeguarsi ai tempi per diventare ancora più fruibile e veloce.

Nuova la grafica, rinnovata nei colori e nelle immagini, con una visualizzazione a due colonne (in luogo delle consuete tre) e completamente rivisto anche nel menù, rivoluzionato nell'ottica di una maggiore facilità d'uso: basta adesso un semplice click per leggere articoli, entrare nei canali e nei minisiti, accedere ai documenti, ai video, ad interagire con i colleghi, a gestire il proprio profilo, a utilizzare la Pec gratuita come fatto finora.

Il nuovo Dottnet è il fulcro di un sistema d'informazione che produce notizie in tempo reale, idee e commenti al servizio della classe medica e degli operatori della sanità. Dottnet può contare sul più alto numero di lettori tra i social specializzati: secondo lo studio “Digital Doctor Communication” sui canali digitali di informazione e aggiornamento dedicati al medico condotto da Gfk Eurisko, Dottnet resta il preferito dai camici bianchi italiani. E i numeri confermano l’analisi di Gfk: Dottnet è stato visitato nel 2013 da 1.334.472 visite, con una media mensile di oltre 350.000 page visitate.

Sono oltre 79mila i visitatori unici che in un mese navigano su Dottnet alla ricerca di notizie, dati, casi clinici e video d’informazione. In cinque anni di vita si è passati da appena 100 contatti fino al milione di visite del 2013 con una crescita esponenziale che rappresenta un caso unico nel panorama delle newsletter mediche italiane. Un sistema collaudato e apprezzato, dunque, che cambia con l'obiettivo di essere ancora più al servizio degli oltre 160mila medici, farmacisti, operatori della sanità iscritti al nostro social.

Alcune pagine, in virtù di questa innovazione che va nel segno della semplicità, sono state abolite: “tutto”, ricerca colleghi, poll, eventi, le raccolte, e la voce specializzazioni non esistono più. Adesso la parola passa a voi che ci avete consentito di crescere e farci diventare il primo social medico italiano, aperto ai vostri suggerimenti e alle vostre idee.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato