Racca, adesso patto per la salute e Convenzione

Redazione DottNet | 18/04/2014 19:47

''Bene il governo sulla spesa farmaceutica. Ora bisogna accelerare il Patto per la salute e la Convenzione''. Lo afferma Federfarma, esprimendo ''soddisfazione perché il Consiglio dei Ministri ha compreso le esigenze del servizio farmaceutico e ha evitato di intervenire con tagli su un settore già duramente provato e di grande rilevanza per tutti i cittadini''.



''Al Ministro della salute, Beatrice Lorenzin - afferma l'associazione in una nota - vanno i ringraziamenti delle farmacie per aver difeso la sostenibilità del sistema. Ribadiamo la disponibilità a contribuire fattivamente al potenziamento dell'assistenza sanitaria sul territorio come base per la deospedalizzazione del SSN. Tale processo, infatti, è obiettivo prioritario del Governo per recuperare fondi da investire sul territorio e sulle sue risorse. Tra queste la farmacia dei servizi che, in sinergia con i medici di famiglia, offrirà ai cittadini, in particolare agli anziani e ai cronici, una rete di prossimità per prestazioni sanitarie di facile accesso e fruibili anche a domicilio''. Con questo decreto, rileva inoltre Federfarma, ''i cittadini continueranno ad avere un sistema sanitario vicino e capace di rispondere alla domanda di salute della popolazione che invecchia. E' ora necessario che questa decisione del Governo acceleri la firma del Patto per la salute, che al suo interno dovrebbe prevedere un ruolo importante della farmacia dei servizi nell'ambito della riorganizzazione delle cure primarie. Il passo successivo dovrà poi essere il rinnovo della Convenzione nazionale tra SSN e farmacie con la definizione del nuovo quadro economico''.

fonte: federfarma
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato