Ricetta elettronica, le prossime tappe

Redazione DottNet | 22/04/2014 14:05

ricetta-elettronica sanità-pubblica

Dopo tanti intoppi riparte in Italia il processo di 'dematerializzazione' delle prescrizioni mediche. Dopo Pasqua la ricetta elettronica arriverà nelle Marche, così come stabilito dal protocollo d'intesa firmato da Federfarma e dall'assessorato regionale alla Sanità, e in rampa di lancio c'è anche la Toscana.

 Nella Marche la prima a cimentarsi sarà la provincia di Pesaro, poi progressivamente la prescrizione 'dematerializzata' si allargherà al resto del territorio marchigiano. Circa duecento i medici coinvolti in questa prima fase di digitalizzazione, che è parte integrante della spending review interna alla sanità. Le farmacie, fa sapere Federfarma, associazione che riunisce i titolari, sono già attrezzate con i software aggiornati. "In base a quanto concordato nel protocollo", spiega Pasquale D'Avella, presidente di Federfarma Marche, "restano fuori dalla digitalizzazione i farmaci in 'distribuzione per conto', ovvero quelli erogati in farmacia ma per conto di aziende sanitarie, come l'ossigeno, i prodotti dell'integrativa, gli stupefacenti e le ricette limitative". Dopo i molti intoppi e rallentamenti che hanno riguardato la dematerializzazione delle prescrizioni l'Italia sembra quindi essersi rimessa in carreggiata e le Regioni sembrano intenzionate a procedere più speditamente che in passato. Si appresta, infatti, ad abbandonare le classiche ricette rosse anche la Toscana, dove proseguono gli incontri formativi tra Sogei e titolari. A partire sarà la provincia di Empoli, per poi allargarsi al resto della regione.

fonte: ansa