Giornata Mondiale del Diabete: "Esercitiamoci a sconfiggere il diabete"

Redazione DottNet | 25/11/2008 15:19

Aids diabete-di tipo 1 malaria obesità tubercolosi

Recita così lo slogan della Giornata del Diabete che si è celebrata il 15 e 16 novembre in più di 500 piazze italiane. Dopo la Risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che nel dicembre 2006 ha indicato il 14 novembre Giornata Mondiale del Diabete, sono più di 160 i Paesi coinvolti nell’ iniziativa con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su questa importante patologia, che nel 2025 si prevede colpirà circa 380 milioni di persone. Ogni giorno circa 200 bambini sviluppano il diabete di tipo 1 e circa mezzo milione, nel mondo, sono quelli che ne sono affetti. Dati allarmanti arrivano anche per il Diabete di tipo 2: il forte aumento dell’ obesità comporta, infatti, il rischio di ammalarsene. Ormai si tratta di un’epidemia, al pari delle patologie infettive come l’ Aids, la tubercolosi e la malaria.
Anche quest’anno, per sensibilizzare la popolazione e far conoscere i rischi di questa malattia, viene organizzata la Giornata Mondiale del Diabete, dedicata ai bambini e agli adolescenti.
 

In 500 piazze delle principali città, saranno allestiti dei veri e propri presidi diabetologici dove, grazie al volontariato di medici, operatori sanitari, infermieri e associazioni di pazienti, tutti i cittadini potranno ricevere materiale informativo, consulenza medica qualificata ma soprattutto potranno effettuare gratuitamente l’esame della glicemia. Con una semplice puntura sul dito è possibile conoscere il livello degli zuccheri nel sangue. Sarà inoltre possibile compilare un questionario diagnostico per scoprire la percentuale di rischio diabete da qui a 10 anni.
La Giornata del Diabete è arrivata alla sua ottava edizione e sono tante le iniziative in programma.
Il Gruppo Ferrovie dello Stato ha partecipato alla campagna di sensibilizzazione, che si è svolta dal 10 al 16 novembre, mettendo a disposizione della propria clientela materiale informativo nel circuito dei Club Eurostar.
L’ ANAS, nel mese di novembre, ha chiesto ai propri dipendenti di devolvere un euro del loro stipendio a favore della ricerca per il diabete. L’azienda poi s’impegnerà nel “match giving”, donando il doppio di quanto realizzato con il contributo volontario dei dipendenti. Autostrade S.p.A ha diffuso le informazioni sul diabete nella rete intranet.
Numerose anche le iniziative sportive. Durante il test match internazionale di rugby del 15 novembre a Torino contro l’Argentina, è stato possibile effettuare il test glicemico fuori lo Stadio e ascoltare lo spot sul Diabete durante la partita. Endocrinologi pediatri hanno tenuto inoltre una lezione sul diabete per i 700mila tesserati delle scuole calcio della Federazione. I giocatori della pallavolo di Serie A1 invece hanno indossato le magliette della Giornata del diabete negli incontri di Campionato.
Testimonial della campagna 2008 è stato il noto showman Fiorello: lo spot audio è andato in onda su un gran numero di emittenti radiofoniche nella settimana precedente l’evento.
La Giornata del Diabete è promossa da Diabete Italia, un Consorzio che vede riuniti allo stesso tavolo le società scientifiche di diabetologia dell’adulto, quelle scientifiche di diabetologia pediatrica, i rappresentanti delle associazioni delle persone con diabete in età adulta e in età pediatrica, i rappresentanti delle associazioni professionali degli infermieri e dei podologi in una sorta di alleanza comune per la gestione delle problematiche cliniche e sociali delle persone con diabete.
La Giornata del Diabete si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Salute Lavoro e Politiche Sociali, del Ministero dell’ Istruzione, dell’ Università e della Ricerca, del Ministero per le Politiche per i Giovani, del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e della Croce Rossa Italiana.