Epatite C, abbVie richiede l'autorizzazione per il nuovo farmaco

Redazione DottNet | 11/05/2014 11:00

aziende-farmaceutiche farmaci sanità-pubblica epatite-C

L'azienda farmaceutica AbbVie ha presentato all'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) la richiesta di autorizzazione all'immissione in commercio per il suo regime sperimentale - completamente orale e privo di interferone - per il trattamento di pazienti adulti affetti da infezione cronica da virus dell'epatite C (HCV) di genotipo 1.



Lo rende noto la stesa azienda. A sostegno dei dossier registrativi, spiega AbbVie in una nota, ''vengono presentati i dati generati dal più vasto programma clinico su un regime completamente orale e privo di interferone realizzato a oggi su pazienti affetti da HCV, che comprende sei sperimentazioni di Fase 3 e ha coinvolto oltre 2300 pazienti in più di 25 paesi''. "Queste sottomissioni regolatorie ci avvicinano sempre più al momento in cui sarà possibile offrire a pazienti adulti affetti da epatite C cronica di genotipo 1 un regime completamente orale e privo di interferone, un progresso promettente per tutti i pazienti affetti da questa infezione nell'Unione Europea'', ha affermato Scott Brun, vice presidente Pharmaceutical Development AbbVie.(