Lazio, 800 euro di bonus a chi partorisce in casa

Redazione DottNet | 12/05/2014 10:16

ginecologia parto sanità-pubblica

Nel Lazio partorire in casa è diventata un'occasione concreta: la Regione Lazio ha anche fissato una tariffa per coprire le spese che chi sceglie di dare alla luce un bimbo tra le pareti domestiche deve affrontare. La tariffa, annuncia il presidente Zingaretti, "è stata fissata in 800 euro".

Ed è stata fissata dopo un'attesa di anni perchè la legge regionale permetteva il parto in casa ma non precisava la tariffa per il rimborso spese. E dunque, spiegano dalla Regione Lazio, "la mancata fissazione del rimborso aveva reso quel provvedimento. ovvero il decreto 29 con cui si definivano i criteri e le modalità per ricevere il rimborso forfettario nel caso si fosse optato per il parto a domicilio, una sterile dichiarazione di principi". Il rimborso copre le spese che donne devono affrontare per avvalersi dell'esperienza di ostetriche libere professioniste che operano privatamente. Ora il percorso per ottenerlo si sblocca e sarà più agevole partorire in casa. La possibilità di partorire tra le mura delle propria casa è percorribile però solo nel caso sia accertato dal ginecologo che si tratta di un parto naturale senza complicanze. Nello stesso decreto il Commissario ad acta detta le regole per potenziare la rete dei consultori regionali. Ed infatti questo è un ulteriore passo, spiega Zingaretti, per il rilancio dei consultori: "una vera e propria primavera della rete dei consultori che vuol dire attenzione massima alle famiglie, ed ai loro problemi e va in questo senso la quantificazione del contributo di 800 euro per chi vuole partorire a casa, fenomeno che fino agli anni 70 era di massa soprattutto nelle province, e la riqualificazione del consultori. Con il provvedimento procediamo alla definizione di una griglia di indicatori e funzioni base che deve essere uguale in tutte le Asl , a differenza di quanto accade oggi, al fine di garantire a tutti i cittadini del Lazio uguale accesso alle cure e all'assistenza".

 

fonte: regione Lazio