Moratoria dal Ministero per i presidi destinati ai diabetici

Diabetologia | Redazione DottNet | 15/05/2014 12:05

Sulle gare centralizzate per l’acquisto dei presidi destinati ai diabetici è in arrivo dal dicastero della Salute una moratoria. Che servirà a una pausa di riflessione nella quale valutare le richieste che arrivano dai malati. E’ la promessa lanciata dal ministro Lorenzin al convegno organizzato a Roma dal Comitato nazionale per i Diritti della persona con diabete e da Diabete Italia

. L’evento – al quale hanno partecipato, oltre al Ministro, l’assessore alla Salute della Lombardia, Mauro Mantovani, e il presidente della commissione Salute del Lazio, Rodolfo Lena – è servito a presentare alla politica il Protocollo per il diabete, il manifesto per i diritti delle persone diabetiche sottoscritto da un panel di associazioni dei malati e sigle della sanità (tra le quali Federfarma, che ha collaborato alla stesura).
Nel documento, in particolare, i malati chiedono il superamento del sistema delle gare per l’approvvigionamento e la fornitura dei presidi, in nome della sicurezza, appropriatezza e continuità terapeutica, ma anche della razionalizzazione della spesa: il Protocollo, infatti, mette sul tavolo dati che dimostrano i vantaggi della distribuzione in farmacia (in termini di razionalizzazione dei consumi) e stimano risparmi per più di 100 milioni di euro nel caso in cui l’erogazione fosse affidata in tutto il Paese ai titolari. «Questo Protocollo è una sfida di civiltà che l’Italia non può perdere» ha osservato Emanuela Baio, presidente del Comitato nazionale per i diritti della persona con diabete «se verrà recepito, come noi ci auguriamo, dal Governo e dalla Conferenza Stato-Regioni, sarebbe finalmente una svolta epocale per i pazienti e un risparmio reale per il Ssn».
Pronta l’apertura del ministro Lorenzin, che nel suo intervento ha promesso una moratoria sulle gare e una pausa di riflessione per valutare – a un tavolo con malati e categorie coinvolte – le proposte contenute nel Protocollo, a partire dalla distribuzione in farmacia senza gare ma con un prezzo di riferimento. Stessa linea dall’assessore alla Salute della Lombardia, che ha promesso il congelamento delle gare avviate nella regione. All’evento era presente per Federfarma il presidente del sindacato campano (e componente del consiglio di presidenza) Michele Di Iorio

 

fonte: federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato