Commissioni Bilancio, rivedere il titolo V della Costituzione

Redazione DottNet | 19/05/2014 14:00

sanità-pubblica

"Rafforzare il ruolo dello Stato" in Sanità, anche se questo potrebbe "implicare una revisione del riparto delle competenze previsto dal vigente Titolo V della Costituzione", "in modo da eliminare le differenze regionali" esistenti. Meno frammentazione regionale, dunque, ma anche più sanità integrativa, è quanto contenuto nella bozza delle conclusioni dell'Indagine conoscitiva sulla sostenibilità del servizio sanitario, svolta dalle Commissioni riunite Bilancio e Affari Sociali della Camera, che verrà discussa dal 27 maggio.

Scopo dell'inchiesta condotta attraverso le audizioni dei principali soggetti del settore, quello di "scattare una fotografia" del nostro sistema sanitario per valutarne la capacità di fornire "prestazioni di qualità, informate ai principi di equità e universalità". Dalla proposta di documento conclusivo, dunque ancora da ancora da emendare e votare, arriva un incentivo per la sanità integrativa. "Per aumentare l'efficienza del sistema sanitario si potrebbe incentivare la sanità integrativa costituita da fondi integrativi, polizze assicurative, collettive ed individuali, attraverso una maggior defiscalizzazione, i cui oneri per l'erario troverebbero compensazione nella minor pressione che la polizza sanitaria può determinare sulla richiesta di prestazioni pubbliche".

 

fonte: ANSA