Autismo e vaccino trivalente: pool di esperti a Trani per le indagini

Redazione DottNet | 21/05/2014 08:18

autismo farmaci sanità-pubblica vaccino

Questionari distribuiti ad alcune decine di famiglie di bimbi autistici, un'indagine epidemiologica sui casi di autismo sorti prima e dopo la somministrazione del vaccino trivalente e la nomina di un pool di esperti, anche internazionali: avrà il compito di accertare la fondatezza della denuncia dei genitori di due bambini autistici che, sulla base di una consulenza di parte, ritengono vi sia correlazione tra l'autismo e la vaccinazione trivalente non obbligatoria.

 

Sono questi i primi passi della procura di Trani che da due mesi ha avviato un'indagine contro ignoti per 'lesioni colpose gravissime' al fine di accertare se vi sia un nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino pediatrico trivalente non obbligatorio contro morbillo, parotite e rosolia (Mpr) e l'insorgenza di autismo e diabete mellito. Sulla correlazione non c'è alcuna conferma scientifica ed anche l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nega qualsiasi eventuale nesso. La nomina della commissione di "luminari internazionali" - si apprende in ambienti giudiziari - è prossima: vi dovrebbero partecipare un medico legale, un neurologo e uno psichiatra infantile. Nelle scorse settimane il pm inquirente, Michele Ruggiero, e il procuratore di Trani, Carlo Maria Capristo, hanno incontrato a Roma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e i responsabili dell'Aifa (Agenzia italiana del farmaco) e dell'Istituto superiore della sanità. Al ministro i due magistrati avrebbero assicurato che gli accertamenti in corso ''non sono sui vaccini o contro i vaccini ma sono stati avviati solo per verificare il contenuto della denuncia'' di due genitori del nord barese che hanno prodotto la consulenza di parte del medico della Polizia di Stato, Massimo Montinari, che ritiene di aver stabilito che l'autismo che ha colpito i loro figli sia di tipo post-vaccinale. Nella vicenda interviene anche la Regione Puglia che sta per inviare alla procura di Trani un dossier dal quale emerge - a quanto viene riferito - anche il timore manifestato da alcuni genitori nel sottoporre i loro figli alle vaccinazioni. Ma come intenderà procedere la magistratura? Una volta nominata la commissione medica, il pm Ruggiero farà sottoporre a visita i figli del denunciante e i figli di coloro che, nelle ultime settimane, hanno inviato decine di lettere in procura offrendo collaborazione all'indagine attraverso le patologie che hanno colpito i loro bambini. Dopo le visite si studierà l'incidenza dei casi, nella provincia di Barletta-Andria-Trani prima e in Puglia poi, dei bimbi autistici vaccinati, e si farà un raffronto con quelli autistici non vaccinati. Le indagini sono delegate ai carabinieri del Nas guidati dal generale Cosimo Piccinno.

 

fonte: ansa