Messina, troppe rapine. Farmacie pronte alla serrata

Redazione DottNet | 27/05/2014 19:19

federfarma farmacia

Farmacie di Messina pronte anche alla serrata se istituzioni e forze di polizia non reagiranno all’ondata di rapine che da un paio di mesi ha colpito i titolari. A sventolare la minaccia Federfarma provinciale e Ordine dei farmacisti, dai quali è già partita la richiesta di un incontro con il ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

 «Nelle ultime settimane c’è stata una vera e propria recrudescenza» spiega il presidente del sindacato, Francesco Mangano «ormai registriamo un assalto al giorno. Sappiamo che il problema è sentito anche in altre città, ma qui c’è una tale assuefazione che ormai i farmacisti neanche ci comunicano le rapine subite. Per questo motivo, abbiamo deciso di avviare un sondaggio tra gli iscritti per avere una mappa più precisa del fenomeno».
Quanto alle misure di contrasto, ieri una rappresentanza di Federfarma ha incontrato il questore, domani è previsto un colloquio con il prefetto e giovedì sera ci sarà una riunione tra gli associati. «Il nostro primo obiettivo è quello di fare rumore» ammette Mangano «vogliamo che si parli del problema perché le forze di polizia accrescano la sorveglianza e i criminali cessino di considerare le farmacie un bersaglio inerme». E poi si metteranno in campo le contromisure. Già allo studio, per esempio, un protocollo con la pubblica sicurezza per un sistema di videosorveglianza collegato con le centrali di polizia e carabinieri

 

fonte: federfarma