Federfarma: così daremo sostegno alle farmacie

Redazione DottNet | 31/05/2014 19:21

federfarma sanità-pubblica farmacia

Riportare in farmacia il Pht. Accelerare lo sviluppo della farmacia dei servizi. Infine, rinnovare la Convenzione per inquadrare, tra le altre cose, l’erogazione dei nuovi servizi nella rimborsabilità Ssn. Sono i tre fronti sui quali Federfarma sta lavorando per assicurare alle farmacie sostenibilità e nuovi spazi in una Sanità pubblica che sta radicalmente cambiando.

Lo ha ricordato giovedì la presidente del sindacato titolari, Annarosa Racca, nel suo intervento al convegno sulle nuove politiche per il contenimento della spesa organizzato giovedì a Roma dalla Camera degli avvocati amministrativisti. «Sul Pht» ha ricordato in particolare Racca «abbiamo avviato un confronto con la Sifo e vogliamo fare altrettanto con le Regioni, i medici e l’industria, per individuare un percorso che restituisca alla farmacia un ruolo pieno nella dispensazione dei farmaci».
Pht, servizi e Convenzione sono per Federfarma i tasselli di una strategia che ha per obiettivo quello di fare delle farmacie del territorio «lo snodo centrale del potenziamento delle cure primarie, a vantaggio dei cittadini e del sistema». Va riconsiderato e valorizzato il ruolo del farmaco e della farmacia: più farmaco e più farmacia vogliono dire meno ricoveri e assistenza migliore a costi più bassi. Alcuni segnali fanno pensare che Governo e Regioni condividano questo approccio: nel Def 2014 la farmacia è stata collocata tra le leve della deospedalizzazione del Ssn e a febbraio, nell’intesa sulle linee progettuali di intervento per il Servizio sanitario, le Regioni hanno messo al primo posto la riorganizzazione delle cure primarie e la farmacia dei servizi».
Tra i relatori di spicco del convegno il costituzionalista Massimo Luciani, che ha dipinto una panoramica delle norme sulla dispensazione dei farmaci di fascia C alla luce delle sentenze della Corte di giustizia Ue e dei giudici italiani, e Giuseppe Franco Ferrari, docente di diritto pubblico comparato alla Bocconi, che ha ricordato le basi giuridiche della governance compartecipata Stato-Regioni sulla spesa farmaceutica.

 

fonte: federfarma