Ecm: al via il corso sulla sicurezza per medici competenti

Redazione DottNet | 24/06/2014 10:36

E' al via il Corso ECM FAD 50 Crediti ECM per Medici Competenti (Responsabile Scientifico: prof. Rossana Cecchi). L'obiettivo formativo del corso riguarda la “Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e patologie correlate” (Accr. Agenas N. 96002). Il corso, a pagamento, nasce con l'obiettivo di soddisfare il debito formativo dei medici Competenti, o medici del lavoro, che abbiano necessità di concludere il sestennio 2008-2013, per quanto riguarda i crediti.

 

 

A tal proposito giova ricordare la nota ministeriale del 28 gennaio scorso che riportiamo integralmente: “Con la conclusione  del ciclo di aggiornamento ECM 2011/2013, secondo quanto previsto dal D.lgs n.81/08 all’articolo 38, comma 3, per poter continuare ad esercitare l’attività di medico competete occorre che i sanitari, iscritti nell’elenco nazionale dei medici competenti, abbiano maturato i 150 crediti previsti, di cui almeno il 70% (105) nella disciplina “medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro”  e che, come stabilito dall’articolo 2 del Decreto ministeriale 4 marzo 2009, gli stessi, a conferma del possesso di tale requisito, provvedano a trasmettere all’Ufficio II della Direzione generale della prevenzione la certificazione o l’autocertificazione attestante il conseguimento dei crediti ECM previsti” La disposizione del Ministero continua: “Il termine per provvedere alla trasmissione della certificazione o dell’autocertificazione può essere individuato entro il 15 gennaio 2015, atteso che l’articolo 2, comma 2, del Decreto ministeriale 4 marzo 2009 prevede la possibilità del completamento dei crediti mancanti entro il 2014; per cui successivamente a tale termine, ai sensi dell’articolo 3, comma 2 del citato Decreto, dovranno essere necessariamente, attivate da parte dell’Ufficio, le procedure di verifica per la cancellazione, dall’elenco nazionale, dei medici competenti non in regola rispetto al requisito dell’obbligatorio aggiornamento professionale”

 

Da notare, tuttavia, che quest'obbligo scadrà il prossimo 15 gennaio poiché la Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina (CNCF), in coerenza con il dettato normativo, ha deliberato la possibilità di completare i crediti mancanti entro il 2014.

 

Occorre però precisare, come spiega l'Anma, che la norma ministeriale deve coordinarsi con la “Determina della CNFC del 17 luglio 2013” che contiene una serie di specifiche in merito alle condizioni di acquisizione dei crediti formativi. Nel dettaglio la CNFC precisa, attraverso la nota esplicativa del 21 luglio 2013, pubblicata sul sito di Age.na.s (www.agenas.it), quali sono le condizioni per gli ‘Esoneri, Esenzioni, Tutoraggio Individuale, Formazione all’estero, Autoapprendimento, Modalità di registrazione e Certificazione’. L’Accordo Stato – Regioni del 19 Aprile 2012, pur avendo stabilito in 150 crediti il debito formativo complessivo per il triennio 2011 – 2013, ha anche previsto la possibilità, per tutti i professionisti sanitari, di riportare dal triennio precedente (2008 – 2010) fino a 45 crediti.


 

La riduzione è da attuarsi con criterio proporzionale che si calcola secondo il seguente metodo:

- riduzione di 15 crediti nel triennio 2011-2013 se il professionista ha acquisito da 30 a 50 crediti nel triennio 2008-2010;

- riduzione di 30 crediti nel triennio 2011-2013 se il professionista ha acquisito da 51 a 100 crediti nel triennio 2008-2010;

- riduzione di 45 crediti nel triennio 2011-2013 se il professionista ha acquisito da 101 a 150 crediti nel triennio 2008-2010.

 

 

A questo punto è fondamentale verificare “propria contabilità” collegandosi ai siti di Age.na.s (Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali)  (www.agenas.it) e di Co.Ge.A.P.S. (Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie) (www.cogeaps.it), previa iscrizione nell’apposita area (“registrazione professionisti sanitari – “myecm” di Age.na.s; “accesso anagrafe crediti ecm” di Co.Ge.A.P.S.).

In particolare, il sito di Age.na.s fornisce l’elenco dei crediti acquisiti nel triennio 2011-2013, Co.Ge.A.P.S. fornisce invece l’elenco complessivo dei crediti maturati nel triennio 2008-2010 e 2011-2013, erogati sia da provider regionali che da quelli nazionali.

E’ bene tenere presente che il provider ha 90 giorni di tempo dalla conclusione di un evento per rapportare i crediti attribuiti ai partecipanti dell’evento in questione. E’ pertanto possibile che crediti di eventi conclusi negli ultimi mesi dell’anno non siano stati ancora rapportati e quindi non risultano conteggiati nel rendiconto personale. Pertanto va verificata la propria rendicontazione dopo il 31 marzo tenendo presente che i sistemi elencano i crediti come notificati dai diversi provider. Si consiglia, quindi, di analizzare la propria situazione confrontandola con gli attestati ricevuti dai provider, evento per evento, per verificarne la congruità e l’esattezza.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato