Federfarma Friuli: estendere a tutta la regione la ricetta digitale

Farmacia | Redazione DottNet | 04/09/2014 15:10

Estendere subito in Friuli Venezia Giulia la modalità elettronica delle ricette, con l'obiettivo di sgravare i costi a carico del Sistema sanitario regionale. Lo propone Federfarma regionale, alla luce del successo della sperimentazione avviata da giugno nelle farmacie private regionali.

 "La ricetta dematerializzata - afferma in una nota il presidente, Francesco Pascolini - rappresenta in Regione il 30% delle prescrizioni mediche e garantisce un elevato risparmio per la Sanità regionale, visto che ogni anno vengono emesse circa 14 milioni di ricette e ciascuna ricetta 'rossa' è gravata da spese legate alla stampa in carta filigranata, al trasporto, al controllo e alla conservazione, tutte voci superate dall'introduzione tecnologica". Federfarma Fvg chiede quindi di implementare la diffusione della ricetta elettronica non soltanto negli ambulatori dei medici di medicina generale ma anche in tutte le strutture ambulatoriali e ospedaliere pubbliche. Chiede inoltre che la Regione, sulla scorta del modello veneto, "riconosca un contributo a quelle farmacie economicamente più deboli e operanti in aree disagiate, che hanno dovuto sostenere costi importanti per poter adattare il proprio sistema hardware al fine di renderlo compatibile con la nuova prescrizione", e segnala alcune criticità nelle aree periferiche, che non beneficiano ancora di banda larga, e la cui connessione ai sistemi informativi della Sanità regionale potrebbe rientrare nel programma per la diffusione dei collegamenti internet veloci.

 

fonte: federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato