A Farmadays dell'Utifar il futuro della farmacia

Redazione DottNet | 16/09/2014 15:38

Sarà il primo Bilancio sociale della farmacia italiana il fiore all'occhiello di Farmadays 2014, l’evento dell’Utifar. In programma a Verona dal 17 al 19 ottobre.

 

La ricerca del centro studi Sintesi (Cgia di Mestre) misura la dimensione sociale della farmacia. «L’idea di fondo - spiega a Filodiretto il presidente dell’Utifar, Eugenio Leopardi - è che la rete dei presidi offra al territorio un sostegno il cui valore reale va ben al di là della mera dispensazione. A parte i posti di lavoro assicurati dalle imprese con la croce verde, non vanno dimenticati tutti i consigli forniti gratuitamente dal farmacista, che si traducono in prevenzione e promozione della salute nella collettività». Non a caso, a Verona si presenteranno anche i dati di una ricerca che Sintesi sta concludendo in questi giorni, condotta su un campione rappresentativo di famiglie per misurare il rapporto esistente tra comunità e farmacie. «Non è nostro compito combattere battaglie sindacali» prosegue Leopardi «con questi contributi vogliamo svolgere una volta di più il nostro ruolo storico, che è quello di essere di stimolo per la professione».


Sempre per questo motivo, a Verona si ripeterà anche il consueto convegno sulla gestione d’impresa: in programma domenica mattina, l’evento vedrà la partecipazione di consulenti ben noti al mondo della farmacia come Giampietro Brunello, Giovanna Castelli, Franco Falorni, Nicola Guerriero, Franco Lucidi, Giovanni Scarchillo, Marcello Tarabusi e Giovanni Trombetta. «La consideriamo ormai la “Cernobbio” della farmacia (dal luogo dove ogni anno si svolge il noto forum di economisti e industriali, ndr)» osserva Leopardi «un appuntamento obbligato nel quale fare il punto sullo stato di salute delle imprese dalla croce verde e sulla loro sostenibilità. Quest’anno, poi, vorremmo che all’evento partecipassero soprattutto i farmacisti in procinto di diventare titolari con il concorso straordinario. In questo momento chi apre una farmacia non può permettersi errori e Utifar è convinta che imparare dalle esperienze altrui non fa mai male».

 

 

Fonte: federfarma, filodiretto

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato