In Italia 12milioni di persone soffrono di dolore cronico

Redazione DottNet | 19/09/2014 15:35

In Italia le persone che soffrono di dolore cronico sono stimate in 12 milioni, circa il 20% della popolazione. "Una tragedia nascosta e troppo spesso trascurata" che causa la perdita di oltre un miliardo di ore lavorative e una spesa di circa 2 mld di euro per prestazioni e farmaci e sui cui permane un deficit informativo visto che il "40% dei cittadini non sa a chi rivolgersi".

 

Numeri e scenari evidenziati durante la presentazione della giornata 'Cento città contro il dolore', promossa dalla Fondazione Isal. "Con questa campagna - ha affermato il presidente Isal William Raffaeli - vogliamo rompere il muro dell'indifferenza e chiedere alle Istituzioni nazionali e internazionali di finanziare la ricerca scientifica per trovare una terapia anche a quei dolori difficilmente trattabili (dolore idiopatico, cioè senza causa apparente, il dolore oncologico grave, la fibromalgia, l'endometriosi e il dolore da lesione del sistema nervoso)". Ma il problema non è solo di risorse.

 

Nonostante il dolore cronico sia molto diffuso, il 40% delle persone che ne soffre non sanno che ci sono centri specialistici. Solo il 32% è stato informato dal proprio medico, il 22% da amici e parenti e il 14% su internet. Inoltre, solo il 35% sa che in Italia c'è una legge sul tema (legge 38/2010). Secondo i risultati di un questionario della Fisal, il 44% degli intervistati ha dichiarato di essere affetto da dolore cronico da più di 3 anni, il 15% da più di un anno, il 14% da sei mesi a un anno. Chi ne soffre è però mediamente poco soddisfatto delle cure ricevute dai professionisti sanitari e vorrebbe avere terapie adeguate (35%) ma anche più attenzione e ascolto (24%). "C'è ancora troppa confusione sui percorsi di cura - sottolinea Raffaeli - in molti fanno dei veri e propri pellegrinaggi nella rete o tra gli amici prima di arrivare nello studio di un terapista del dolore". La Giornata 'Cento città contro dolore' è giunta alla quarta edizione e si svolgerà il 27 settembre in 100 comuni di tutta Italia e in 12 Paesi di cinque continenti dove medici e volontari spiegheranno come e dove è possibile curare il dolore cronico.

 

 

Fonte: Isal