Un italiano su quattro prende farmaci senza consultare il medico

Redazione DottNet | 22/09/2014 14:11

Un italiano su quattro assume farmaci con obbligo di prescrizione senza consultare il medico. E' quanto emerge da un indagine di Demoskopea su web e automedicazione, che ha coinvolto un campione rappresentativo di persone tra i 18 e i 65 anni.

 Tra i farmaci più usati in autonomia gli antidolorifici, indicati dal 55,1% degli intervistati, e a seguire gli antibiotici, che un 37% del campione (che diventa addirittura il 42,9% nella fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni) ammette di avere utilizzato di propria spontanea volontà, nonostante le raccomandazioni sull'utilizzo dietro consulto medico, perché un uso improprio (non solo in termini di dosaggio, ma anche di orari di utilizzo e durata della terapia) può rivelarsi inutile, se non persino dannoso.

Molto utilizzati in autonomia dal proprio dottore sono poi anche gli antistaminici (indicati dal 28,8% del campione) e gli antipiretici (20,3%), nonostante per entrambe le tipologie esista la possibilità di incappare in fenomeni allergici o di sensibilizzazione al principio attivo. Il 5,9% del campione dichiara inoltre di aver assunto, negli ultimi dodici mesi, degli psicofarmaci senza chiedere un confronto con il medico - percentuale che sale oltre il 10% se si isolano le risposte degli intervistati di età compresa tra i 25 e i 34 anni. Un terzo di chi ha assunto farmaci con obbligo di ricetta senza il confronto con il proprio medico si ritiene poco imprudente (34,7% del campione), contro il 29,7% che invece ammette di essere abbastanza imprudente, una percentuale che sale fino al 34% tra i laureati e al 37,5% tra i giovani fino a 24 anni. Del tutto sicuro delle proprie azioni il 14,4% degli intervistati.
 

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato