Assobiomedica: la P.A. non potrà restituire il 39% dei debiti

Redazione DottNet | 24/09/2014 16:23

La pubblica amministrazione non potrà restituire il 39% del credito che le imprese di dispositivi medici ha raggiunto. La conferma arriva da Assobiomedica.

 

Si tratta di 1 miliardo e 390 milioni, non potrà essere certificato perché i debiti delle Regioni commissariate sono esclusi dal sistema di certificazione del ministero dell'Economia e delle Finanze. Secondo Assobiomedica: «Su oltre 3 miliardi di scoperto più di un terzo non può oggi essere restituito». Per Stefano Rimondi presidente dell'Associazione «è assurdo che il 39% del credito, che rappresenta tra l'altro il pregresso più antico, debba essere dimenticato e saldato chissà quando. Le Regioni escluse dal meccanismo di rimborso sono quelle con i tempi di pagamento più lunghi come, ad esempio, la Calabria che paga in media dopo più di due anni (841 giorni)».

 

«Nelle altre Regioni – aggiunge Rimondi - non commissariate la riscossione dei crediti comporta pesanti oneri per le aziende. L'accordo fra Abi e Ministero dell'Economia prevede, infatti, uno sconto dell'1,6% sulle fatture cedute all'incasso, ma ci vengono segnalati casi di banche che impongono tassi anche superiori. Chiediamo pertanto all'Abi di farsi garante del rigoroso rispetto dell'accordo, visto che già l'1,6% costituisce una grave danno per le imprese». A oggi, si legge nel documento «sono ancora troppi gli enti che registrano ritardi cronici con punte che vanno dai 1.405 giorni di ritardo dell'Azienda ospedaliera Mater Domini di Catanzaro ai 907 giorni Azienda Ospedaliera Pugliese - Ciaccio, dagli 855 giorni dell'Asl campana Napoli 1 agli 833 dell'Azienda Sanitaria Regionale di Campobasso. Anche al nord va segnalata una situazione grave, quella del Piemonte, con ritardi pagamento di 243 giorni, nettamente superiori alla media nazionale.

 

 

Fonte: assobiomedica

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato