Concorso farmacie, in Liguria e Toscana resta l'incognita ricorsi

Farmacia | Redazione DottNet | 05/10/2014 11:04

Liguria e Toscana, come abbiamo visto, hanno approvato la graduatoria del concorso straordinario farmacie. Ma resta un'incognita: i ricorsi

 

Come abbiamo pubblicato nelle settimane scorse su Dottnet, anche la Toscana, dopo la Liguria entra nel ristrettissimo gruppo di Regioni che hanno approvato la graduatoria del concorso straordinario istituito dal “Cresci-Italia”. Il decreto deve ancora essere pubblicato sul Bollettino ufficiale (prevedibilmente ciò avverrà mercoledì prossimo), ma sul sito della Regione è già consultabile la lista finale. Che conferma le previsioni avanzate dagli esperti: si disse che con i meccanismi del concorso straordinario avrebbe vinto solo chi maturava i punteggi più alti, in effetti i primi 130 (le farmacie da assegnare in Toscana sono 131) sono raccolti in una forbice compresa tra i 42,9 e i 47 punti. 

 

Resta tuttavia in sospeso l’incognita dei ricorsi, un punto interrogativo che al momento non è stato sciolto neanche in Liguria: per ora in Regione non risultano ancora impugnazioni, ma il termine per portare la graduatoria davanti al Tar scade soltanto a metà novembre. Intanto da Federfarma Toscana giungono commenti preoccupati sui progressi del Concorso: «In quattro anni la spesa farmaceutica convenzionata qui è calata del 30%» ha detto a un giornale locale il presidente dell’Urtofar, Marco Nocentini Mungai «la legge va rispettata ma le nuove aperture porranno un serio problema di sostenibilità all’intero sistema».

 

 

Fonte: federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato