Pochi i farmaci venduti online: resiste la figura del farmacista

Redazione DottNet | 11/10/2014 15:41

Cresce l'utilizzo della rete nella ricerca di informazioni sulla salute, ma resta ridotta la quota di chi compra farmaci online, solo l'11%. Lo rivela l'Ipsos in una indagine presentata oggi al ConsuMeeting, organizzato da Consumerd Forum.

Resiste invece la figura del farmacista di fiducia, cui si affida il 74% degli intervistati. I motivi della reticenza sono legati principalmente al tema della sicurezza: il 44% di chi non acquista online teme contraffazioni e il 34% ritiene più sicuro comprare in farmacia. "Alla base di questa scelta ci sono anche motivi normativi", ha spiegato Giovanni Calabrò, direttore generale per la tutela del consumatore dell'Autorità Antitrust.

"Finora siamo intervenuti con la Guardia di Finanza, oscurando il lato italiano di siti che vendevano farmaci contraffatti. Si tratta però ancora di interventi parziali, per risolvere il problema bisognerebbe agire almeno a livello comunitario, cosa a cui stiamo lavorando", ha concluso Calabrò

 

fonte: ansa