Sifo: attenzione all'uso degli antibiotici negli ospedali

Redazione DottNet | 13/10/2014 16:35

Un modello di gestione etico e responsabile delle risorse e del'utilizzo degli antibiotici per contrastare il problema delle infezioni ospedaliere. Questo è l'obiettivo dell'incontro regionale 'Antimicrobial stewardship', organizzato a Roma con il patrocinio della Società italiana di farmacia ospedaliera (Sifo) e della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).

All'evento partecipa un team di lavoro multidisciplinare, composto da chirurghi, infettivologi, microbiologi, virologi, anestesisti, internisti e farmacisti ospedalieri. "Circa 6 pazienti su 100 contraggono un'infezione in ospedale - sottolinea Nicola Petrosillo, direttore Uoc 'Infezioni sistemiche e dell'immunodepresso' dell'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive - un dato che assume un notevole significato se consideriamo la loro gravità, come per esempio le infezioni derivate dal Clostridium, un microorganismo legato all'uso talora eccessivo di antibiotici".

I programmi di Antimicrobial stewardship, continua Petrosillo, "danno agli operatori sanitari l'opportunità di evitare che gli antibiotici vengano utilizzati in maniera inappropriata, risultando strumenti efficaci per analizzarne i consumi e promuoverne un impiego più razionale". Per questa ragione, fanno sapere gli esperti di Antimicrobial stewardship, tra gli obiettivi dell'incontro c'è la riduzione "della diffusione di germi resistenti, limitando gli effetti avversi degli antibiotici, che hanno un forte impatto sulla gestione dei costi della sanità pubblica"

 

fonte: sifo