Pos negli studi medici: confusione e incertezza. E costi alti

Redazione DottNet | 14/10/2014 18:25

Ha causato ''confusione e incertezze'' l'installazione del Pos per i liberi professionisti e per le imprese, obbligatorio dallo scorso 30 giugno. Ma sotto accusa sono soprattutto i costi. E a guadagnarci sono solo le banche

L'avvio del servizio, le commissioni sui pagamenti ''rappresentano, soprattutto per i professionisti, come i giovani medici, e le imprese con margini di redditività ridotti un ulteriore aggravio a carico di settori già pesantemente vessati dalla crisi''. Lo afferma la Confcommercio ascoltata ieri in audizione alla Camera in relazione all'uso della moneta elettronica, reso obbligatorio dal dl 179/2012. Nell'attuale contesto, ''gli oneri ricadono solo ed unicamente su professionisti e imprese, lasciati peraltro soli a cercare di strappare, da una posizione di minorità, condizioni contrattuali dignitose da soggetti che spesso sembrano operare in condizioni di vero e proprio oligopolio. Se l'interesse è collettivo - chiosa la maggiore confederazione del commercio - è necessario che tutti i soggetti coinvolti abbiano a percepirne i vantaggi, e non solo gli intermediari finanziari che gestiscono i sistemi di pagamento''.

 

La Confcommercio individua peraltro punti di criticità nella gestione degli incassi attraverso carte di pagamento. Criticità che vanno superate con alcuni interventi. Tra questi, la necessità di introdurre tutele a favore del professionista e dell'esercente in presenza di uso improprio delle carte di pagamento, ad esempio nei casi di furto e di clonazione; necessità che si avverte anche nei casi di vendita per corrispondenza, in cui è necessario fornire agli operatori commerciali regole certe e chiare. Inoltre, occorre superare i problemi derivanti da situazioni di intasamento delle linee che generano rallentamenti o interruzioni del servizio. Vi è la necessità infine, di semplificazione le procedure amministrative nella fatturazione del servizio che, nei casi di imprese con più POS e più punti di vendita, comportano complicazioni''.

 

Secondo le stime della Confesercenti e della Cna, su circa cinque milioni di operatori chiamati in causa dalla legge, appena 2-2,2 milioni si sono messi in regola, cioè hanno il Pos (Point of Sale), ovvero meno della mertà degli obbligati. Quali sono o possono essere le ragioni della frequente impossibilità di pagare con valuta elettronica? "non c'è la linea", oppure "non c'è il collegamento con la banca", o ancora "il Pos rifiuta la prepagata" rispondono a volte professionisti ed esercenti.


Ma c'è poi un'altra ragione, che coinvolge soprattutto il piccolo professionista, il dettagliante, il banchista al mercato: il costo non solo del Pos in sé (un centinaio di euro, ma una tantum) quant'anche del canone mensile da versare alla banca di sostegno (30 euro) e la commissione (dall'1 al 3%) per ciascun pagamento. E qui si tocca con mano la tradizionale ingordigia degli istituti di credito che, non soddisfatti di farsi trasferire via Pos un mucchio di danaro fresco, addirittura sfruttano l'occasione per un intollerabile ricarico sul commerciante e sul professionista. Insomma le banche ci guadagnano addirittura due volte. A spese di tutti.

 

 

 

 

Fonte: confcommercio

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato