Pacemaker compie 50 anni, in futuro misurerà glicemia

Redazione DottNet | 03/12/2008 15:56

glicemia pacemaker risonanza-magnetica

Sono passati cinquant'anni da quando negli Stati Uniti venne impiantato il primo pacemaker nel torace di un paziente cardiopatico. Oggi, i dispositivi sono avanzatissimi e completamente automatici: analizzano le condizioni del malato e riproducono un battito cardiaco il più vicino possibile al ritmo naturale.

"E in futuro, grazie a cateteri tecnologici che attraversano le vene e collegano il dispositivo al cuore, con lo stesso device si potranno persino misurare i livelli di zucchero nel sangue, evitando continue analisi, ad esempio per i diabetici". A sottolinearlo è stata Maria Grazia Bongiorni, direttore della sezione di Aritmologia dell'azienda ospedaliero-universitaria di Pisa, partecipando a Roma alla presentazione di un nuovo pacemaker a prova di risonanza magnetica e metal detector.
"Lo sviluppo tecnologico del pacemaker - ha evidenziato l'esperto - ha permesso il miglioramento della qualità della vita dei pazienti, la riduzione del periodo di degenza, dei costi e dei rischi.
Oggi, attraverso la telecardiologia, questi piccoli strumenti consentono allo specialista di tenere sotto controllo il malato anche mentre si trova a casa e di essere allertato per eventuali problemi attraverso il computer o il telefonino. In questo modo si sfruttano dunque le potenzialità del device impiantato come strumento diagnostico. In Italia già 900 malati sono seguiti 'online', mentre negli Usa il numero è arrivato a 290 mila con evidenti benefici sia per i conti della sanità che per la qualità della vita delle persone: è molto più semplice, infatti, prevenire le complicanze anche gravi, come ad esempio l'edema polmonare".