Psoriasi: riduzione significativa della malattia

Dermatologia | Medical Information Dottnet | 28/10/2014 13:37

Per la psoriasi, dove non arriva la fototerapia arriva l’inibitore della fosfodiesterasi 4.

In uno studio condotto dalla European Academy of Dermatology and Venereology si è visto che il trattamento con Apremilast, inibitore della fosfodiesterasi 4, per circa 4 mesi migliora in modo significativo segni e sintomi dei pazienti affetti da psoriasi moderata o grave per i quali la fototerapia e la terapia sistemica non sono appropriate.

Nella prima fase dello studio i partecipanti erano affetti da psoriasi di gravità da moderata a elevata con un punteggio medio dell’indice PASI di 19,3 e con una superficie corporea colpita da psoriasi tra il 26,2% e il 64,2% e tutti precedentemente sottoposti ad una terapia sistemica e/o fototerapica. Una parte dei pazienti è stata trattata con Apremilast 30 mg due volte al giorno per tutta la durata dello studio, mentre, una seconda parte è stata trattata inizialmente con placebo e poi con Apremilast.

Dopo 16 settimane, i ricercatori hanno trovato una differenza significativa tra i due gruppi, oltre che nella risposta PASI75, anche nella risposta PASI50, che è risultata del 55,5% nel gruppo Apremilast contro 19,7% nel gruppo placebo.

Il principio attivo inoltre è stato ben tollerato per tutta la durata dello studio e gli eventi avversi segnalati nel 5% e più dei pazienti sono stati nausea, per il 16,6%, seguita da diarrea, rinofaringite, infezioni delle vie aeree superiori, cefalea tensiva, vomito, cefalea e mal di schiena, ma la maggior parte degli eventi avversi sono risultati lievi o moderati e non hanno portato i pazienti a interrompere del trattamento.
 

Bibliografia: C. Paul, et al. Apremilast, an Oral Phosphodiesterase 4 Inhibitor, in Patients With Moderate to Severe Psoriasis: Results of a Phase 3, Randomized, Controlled Trial (ESTEEM 2). EASV 2014; abstract FC05.09.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato