Il traffico illegale di farmaci vale più di quello della droga

Redazione DottNet | 29/10/2014 17:39

Un business che vale più di quello della droga, garantendo guadagni 'cash' che si stimano tra i 50 ed i 200 miliardi di euro l'anno. E' il traffico illegale di farmaci contraffatti, principalmente online. Un affare milionario che ha però un costo altissimo in termini di vite umane: sono circa 200mila, ma alcune stime arrivano ad indicare la cifra di un milione, infatti, i morti nel mondo ogni anno a causa dell'utilizzo di farmaci falsi.

''Il traffico illegale di farmaci contraffatti vale oggi più del traffico illegale di cocaina", ha affermato il Generale dei Nas Cosimo Piccinno, in occasione della presentazione del canale dell'ANSA 'Salute e Benessere 65+' dedicato alla salute degli anziani e realizzato in collaborazione con la Societa' Italiana di Geriatria e Gerontologia.

Negli ultimi due anni, ha denunciato, ''c'è stato un aumento esponenziale sia di traffici di farmaci online sia di furti di medicinali molto costosi negli ospedali". I più 'redditizi' sono i farmaci antitumorali: "Un chilogrammo di farmaci antitumorali monoclonali, ad esempio - ha affermato il generale dei Nas - ha un costo di 8-200 milioni di euro nel mercato legale; lo stesso quantitativo venduto illegalmente garantisce un guadagno cash pari almeno alla metà di tale importo". L'interesse criminale verso questo settore è dunque crescente: un euro investito in cocaina, ha sottolineato Piccinno, ne rende infatti 16; al contrario, 60 euro impiegati in principi attivi ne rendono almeno 150 mila. Pertanto, la stima è che nella filiera dei farmaci contraffatti il rapporto di investimento sia pari a un euro a 2.500.

E il fenomeno può rivelarsi particolarmente pericoloso per gli anziani che, in vari casi, su Internet ricercano soprattutto medicinali quali il Viagra, allettati, probabilmente, anche dal prezzo: in farmacia questo farmaco costa infatti circa 15 euro, contro gli 0,60 centesimi in Rete. Ma Piccinno mette in guardia dai pericoli per la salute: ''Utilizzando questo tipo di farmaco 'fai da te', il rischio di infarto e patologie cardiache è elevatissimo''. Va comunque precisato, ha sottolineato, che in Italia i medicinali contraffatti rappresentano solo lo 0,1% contro il 7% a livello mondiale, ma ''sono comunque in netto aumento''. Quanto all'importazione illecita di principi attivi, dal 2012 i Nas hanno sequestrato 7,5 tonnellate di materie prime farmacologicamente attive, provenienti principalmente dall'Asia (Taiwan, India, Cina, Giappone) e dal Messico. I farmaci contraffatti sequestrati nei siti online nello stesso periodo sono pari invece a 3,75 milioni. Un'azione forte, quella dei Nas, per il contrasto a questa nuova forma di business illegale che non basta, però, a bloccare l'offerta e, dunque, i consumi: digitando su google le parole 'comprare Viagra', infatti, i risultati che comparivano nel 2011 erano pari a poco più di 29 milioni, contro i 136 milioni dell'ottobre 2012.

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato