Lorenzin: così cambieranno Aifa, Agenas e Iss

Redazione DottNet | 29/10/2014 19:20

"La riforma degli enti vigilati dal ministero della Salute è imprescindibile anche in ragione delle misure previste nel Patto per la salute e anche perché può essere un volano per la ricerca e l'innovazione e per attrarre investimenti".

Lo ha detto il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin in audizione davanti alla commissione Affari sociali della Camera dei deputati in merito al riordino dell'Istituto superiore di sanità (Iss), dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e dell'Agenzia del Farmaco (Aifa). "L'Aifa deve diventare una grande agenzia sul modello della FDA americana - ha precisato Lorenzin - ma per farlo occorre potenziarla anche attraverso il miglioramento della qualità del personale". Per il ministro Aifa, però, "non ha bisogno di rivoluzioni".

 

L'obiettivo è quello di fare in modo che "possa accelerare la valutazione dei dossier medicinali e delle autorizzazioni perché i pazienti troppo spesso devono attendere molto per avere accesso a farmaci innovativi". E il ministro ha precisato che occorre "superare l'attuale sistema di valutazione con le due commissioni che ci sono oggi". Su Agenas Lorenzin ha sottolineato invece che essa "dovrà diventare il braccio operativo che sta a metà tra Ministero e Regioni per intervenire in modo preventivo sia dal punto di vista dei costi che della qualità dei servizi erogati". Agenas "dovrà affiancare le Regioni in Piano di rientro e dovrà potenziare il suo ruolo di valutazione, monitoraggio e controllo anche in virtù del sistema di allerta preventivo previsto dal Patto per la Salute".

 

Sull'Istituto superiore di Sanità Lorenzina ha ribadito che la "prima riforma è riportare l'equilibrio finanziario. Il commissariamento dev'essere colto come un'occasione per modernizzare e rendere più efficiente l'Ente". "L'Istituto - ha ricordato - deve riappropriarsi del suo ruolo, del suo prestigio e deve anche confrontarsi con il privato". Inoltre "servono anche forti correttivi sulla gestione amministrativa". Rispetto al problema dei precari Lorenzin ha precisato che "una volta superato il commissariamento si affronterà la questione".

 

 

Fonte: ministero salute

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato