La crisi non tocca le farmacie: fatturati stabili e volumi in crescita

Farmacia | Redazione DottNet | 03/11/2014 21:49

Tra gennaio-settembre le farmacie hanno mantenuto stabili i fatturati (-0,3% rispetto allo stesso periodo del 2013) con volumi in leggera crescita (+0,9%) nonostante la contrazione nei mesi da giugno ad agosto, come confermano i dati di New Line Ricerche di Mercato.

Un'estate con indici negativi quella appena conclusa: le farmacie nei tre mesi tra giugno e agosto hanno registrato il segno meno nei fatturati di tutti i macrocomparti del loro mercato: -2,5% nel farmaco con obbligo di prescrizione (rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), -1,3% nei Sop/Otc, -0,7% nell’extrafarmaco. I dati arrivano dall’analisi condotta da New Line Ricerche di Mercato sui primi nove mesi dell’anno per fotografare salute e prospettive del canale. L’immagine che ne emerge invita comunque all’ottimismo, nonostante i “rovesci” estivi: tra gennaio e settembre, le farmacie hanno mantenuto sostanzialmente stabili i propri fondamentali, con fatturati in contenutissimo calo (-0,3%) e volumi in leggera crescita (+0,9%, sempre rispetto allo stesso periodo del 2013). 

In un contesto generale sempre caratterizzato da una consistente crisi dei consumi, la farmacia riesce dunque a mantenere le proprie posizioni. Anzi, invita a riflettere il fatto che i segmenti di mercato dove il canale mostra le performance migliori siano quelli della cosiddetta area commerciale, dove cioè è il cliente a pagare e il Ssn non assicura alcun rimborso. Nel nove mesi, infatti, le rilevazioni di New Line Ricerche di Mercato mostrano per l’area commerciale un incremento dell’1,5% a valori, che sale al 2,1% se l’analisi viene ristretta al solo extrafarmaco (con l’esclusione dunque del comparto Sop-Otc). E le percentuali migliorano ancora se si scende di un livello e si analizzano i singoli segmenti: gli alimenti dietetici crescono del +5% (sempre a valori) grazie al traino degli integratori, la fitoterapia sale del +7,6% e la veterinaria del +8%.

Su queste cifre, come detto, pesa una stagione estiva caratterizzata da un maltempo così eccezionale da avere influenzato negativamente anche il mercato della farmacia. Il caso più emblematico è quello dei dermocosmetici (all’interno dei quali si trovano i solari), che a valori sono calati tra giugno e agosto del 3% (rispetto allo stesso periodo del 2013) quando tra gennaio e maggio avevano fatto registrare un +2,2%. Stesso discorso in quei segmenti che nel trimestre estivo sono comunque riusciti a conservare il segno più ma le performance si sono rivelate assai inferiori alla prima metà dell’anno: i dietetici (+1,4% tra giugno e agosto contro un +6,4% nei primi cinque mesi), i fitoterapici (+6,4% contro +8%) e i veterinari (+4,7% contro il +8,5%).

Di positivo c’è comunque il fatto che chiusa quest’estate da dimenticare, il mercato della farmacia ha ripreso a camminare con il passo non spedito ma costante della prima parte dell’anno. A settembre, infatti, il farmaco con ricetta è cresciuto del 2,2% a valori e del 5,9% a volumi e l’area commerciale del 5,2% a valori e del 4% a volumi, con l’extrafarmaco a registrare rispettivamente +5,7% e +5,8%.

 

fonte: QS, new line ricerche

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato