La salute degli italiani è terza ma ultima per risposta

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 10/11/2014 18:54

La salute della popolazione italiana è al terzo posto nella classifica dei paesi dell'Europa occidentale dopo Svezia e Irlanda, ma l'Italia è ultima in classifica per la capacità di rispondere alle esigenze di salute dei cittadini.

E' quanto emerge dalla nona edizione del rapporto Meridiano Sanità dal titolo 'Oltre i confini della sanità.
Salute, innovazione e crescita', elaborato da 'The European House Ambrosetti'. E proprio dal think tank di Meridiano Sanità arrivano le proposte di azione: "innanzitutto basta parlare soltanto di Sanità elettronica, facciamolo davvero. Poi altra area urgente di intervento è quella del contrasto all'obesità e al sovrappeso infantile, patologia che spesso si eredita anche da adulti", spiega Valerio De Molli, amministratore delegato di 'The European House Ambrosetti. Terza area in cui è urgente intervenire è quella della "velocizzazione dell'accesso ai farmaci innovativi, visto che siamo tra i peggiori paesi dell'Europa occidentale". Quindi, l'altra priorità, sottolinea De Molli, "è quella della prevenzione in particolare per quanto riguarda anziani, donne e bambini". Sul tema della prevenzione interviene anche il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Emilia Grazia De Biasi (Pd). "E' fondamentale far crescere la cultura della prevenzione a tutti i livelli della società - spiega la senatrice - e allo stesso tempo realizzare un incrocio effettivo tra le esigenze di prevenzione della popolazione e i servizi territoriali effettivi che se ne occupano". Quello a cui non possiamo rinunciare, conclude, è "l'universalità del nostro Servizio sanitario nazionale, rimasto ultimo in Europa e va preservato a tutti i costi".

 

fonte: meridiani

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato