Osteoporosi: effetti dei farmaci anti-infiammatori

Medical Information Dottnet | 11/11/2014 16:35

L’osteoporosi è una patologia a largo impatto sociale, con diverse e comprovate conseguenze negative di matrice sanitaria, sociale ed economica, spesso però sottovalutata e affrontata con grave ritardo.

Si tratta di una malattia silenziosa, che può progredire per diversi anni fino a quando viene confermata la diagnosi o finché non si verifica una frattura.

Uno studio recente pubblicato dal Department of Quantitative Health Sciences, ha rilevatogli effetti dovuti ai farmaci anti-infiammatori non steroidei sui sintomi e sulla progressione della malattia dei pazienti con osteoartrosi del ginocchio.

Gli autori dello studio hanno effettuato un’analisi per stabilire in quale misura l'utilizzo dietro prescrizione, recente o a lungo termine, di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), allevi i sintomi e ritardi la progressione strutturale nei pazienti con diagnosi di osteoartrosi del ginocchio confermata tramite radiografia.

Dalla ricerca è emerso che l'utilizzo a lungo termine di FANS è associato a dei cambiamenti minimi dal punto di vista clinico a livello di rigidità, funzione e della struttura ma non del punto di vista del dolore.

Per saperne di più leggi: Effects of prescription non-steroidal anti-inflammatory agents on symptoms and disease progression among patients with knee osteoarthritis.