Enuresi notturna: un atto di maleducazione vescicale

Pediatria | Salvatore Maffei | 27/11/2014 17:50

L’Enuresi Notturna è il ripetersi involontario di atti minzionali completi durante il sonno.

È un problema rilevante sia per quanto riguarda la sua prevalenza (10% all’età di 6 anni) sia per i pesanti risvolti sul piano psico-affettivo che il sintomo sottende come deficit dell’autostima, depressione, sensazione di inadeguatezza, difficoltà di instaurare rapporti con i coetanei ed avere una normale vita di relazione.

La soluzione del problema non è semplice e le scelte terapeutiche sono spesso difficoltose perché le dinamiche che concludono all’EN, pur essendo state largamente indagate da molti autorevoli studiosi, rimangono ancora in gran parte da chiarire.

Infatti pur essendo stati individuati numerosi fattori in grado di scatenare il sintomo, tuttavia siamo ancora molto lontani dal saper attribuire ad ogni elemento patogenetico un ruolo specifico: non è ancora chiaro quali sono le condizioni determinanti e quali solo marginali o adiuvanti nell’insorgenza dell’EN.

Infatti accanto ad alcune teorie universalmente accettate quali cause dell’EN, ne esistono altre il cui ruolo è ancora controverso e fonte di accese discussioni tra i vari studiosi che si occupano dell’argomento.

Per maggiori approfondimenti, clicca qui e consulta l'articolo completo

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato